Discriminatori!

Le hanno chiamate “zone libere da omofobia”, ma di fatto si tratta di altro. A Sidney negozi e locali in determinate zone possono, con cartelli e adesivi, dichiararsi “liberi da omofobia”. Non si chiama piu’ autoghettizzazione o auto-discrimazione? Si creano zone ad hoc per un determinato pubblico, con l’ovvia esclusione di chi in quel pubblico non ci rientra, e ci si auto-esclude dal resto del mondo, formando, di fatto, una categoria a parte…Che non vorrebbero gli fosse affibbiata, ma che per primi determinano.

(ANSA)-SYDNEY, 25 AGO -Il comune di Sydney ha dichiarato ‘zone libere da omofobia’ il quartiere gay lungo la Oxford Street e 2 aree riconosciute come distretti Glbt. La decisione, raggiunta con 5 voti a 4, prevede che i locali possano perdere la licenza di operare fino a tardi se i clienti commettono abusi o violenze omofobiche. Negozi e locali sono incoraggiati a dichiararsi ‘liberi da omofobia’ con cartelli o adesivi.

Fonte: ansa