(Geo)Politica, Articoli

Bill Gates all’UE: “Rendete più difficili gli ingressi”

bill gates
Rendere difficili gli ingressi perché c’è un serio rischio di invasione. A dirlo non è l’uomo “della strada”, stanco dei flussi migratori verso la UE, ma niente meno che “l’illuminato” Bill Gates.

(www.corriere,.it) – Migranti, Bill Gates all’Ue: «Mostrarsi generosi li spinge a lasciare l’Africa. Rendete più difficili gli ingressi». Svolta del fondatore di Microsoft e filantropo: «L’Europa deve rendere più difficile per gli africani raggiungere il continente attraverso le attuali rotte di passaggio».

Alla fine è diventato dannoso mostrarsi troppo generosi con i migranti, così come ha fatto Angela Merkel. Il pericolo, ora, è di venire «sommersi» dalle popolazioni disperate in fuga dall’Africa. Bill Gates entra in modo rumoroso nella discussione politica sui flussi migratori, nel momento della nuova emergenza nel Mediterraneo, con l’Italia ancora una volta nella posizione più esposta. Il miliardario americano riflette sul «modello Merkel», in un’intervista con il giornale tedesco Welt am Sonntag: «Da una parte tu puoi mostrare generosità e accogliere i rifugiati, ma più sei generoso, più il mondo se ne accorgerà e alla fine questo motiverà più persone a lasciare l’Africa». Gates suggerisce due linee d’azione. Primo: «L’Europa deve rendere più difficile per gli africani raggiungere il continente attraverso le attuali rotte di passaggio». Secondo: «La tumultuosa crescita demografica in Africa diventerà un’enorme pressione migratoria sull’Europa, a meno che gli Stati decidano di aumentare in modo consistente gli aiuti allo sviluppo alle terre d’oltremare».

Il cambio di rotta

Gates, dunque, non solo predica, ma pratica da 17 anni la strategia di sostegno ai luoghi da cui partono le grandi migrazioni. È vero, però, che negli ultimi mesi ha corretto la sua posizione. Ancora nel gennaio 2016, al World Economic Forum di Davos, il fondatore di Microsoft si esprimeva in questi termini: «La Germania e la Svezia sono da elogiare per il modo in cui accolgono i migranti. Gli Stati Uniti dovrebbero seguire il loro esempio». In quel periodo alla Casa Bianca c’era ancora Barack Obama. Il presidente resisteva alle pressioni dei parlamentari democratici che chiedevano di accogliere più rifugiati dalla Siria e dal Medio Oriente. Ora il quadro è cambiato. O meglio, Gates continua a elogiare il governo tedesco, ma per altri motivi. La Germania devolve lo 0,7% del Pil alle nazioni africane e asiatiche in difficoltà: «È fenomenale. Altri Paesi europei dovrebbero fare lo stesso». Finora i vincoli finanziari hanno prevalso sull’idea di far lievitare gli investimenti umanitari e di cooperazione. La Ue ha solo iniziato a discutere di un piano da 62 miliardi. Qualche governo ha messo in campo iniziative mirate. L’Italia, per esempio, a febbraio ha assegnato 200 milioni di euro principalmente a Nigeria, Libia, Tunisia per contrastare «il traffico di esseri umani e l’immigrazione illegale». «Bisogna fare presto — conclude Gates — la Germania e l’Europa non sono in grado di far fronte alle persone che in Africa sono già pronte a partire».