In evidenza, In memoriam

In memoriam | Paolo Signorelli

1 Dicembre 2010

Amo la mia gente. Uomini forti dai volti bruciati dal sole e segnati dalla fatica e dal vento.

Donne fiere in cui si mescolano saggezza e dolcezza.

Uomini che conoscono la vita, sofferta ed apprezzata, lontano dalla banalità dei servi e dei potenti.

Donne che conoscono l’Amore, donato con semplicità rituale lontano

dalla volgarità di amplessi ben pagati.

La mia è gente che sa amare e che sa battersi e che non conosce la resa.

Chi è abituato a soffrire in silenzio, chi sa dare senza nulla pretendere in cambio,

chi sa dosare orgoglio e umiltà e negare valore ai miserabili vantaggi del potere,

questi accetta la  lotta e disprezza la via della fuga inventate dagli strateghi senza anima.

La mia è gente che sa essere fedele, ad in’idea, ad un amico, ad un ricordo.

Gente che è ricca di dignità e non possiede altri beni. Se non quelli che sa strappar

e alla Terra o scavare nel suo cuore che batte impazzito nell’ansia di

riconquistare quanto gli fu tolto dai senza volto moderni.

(La mia Gente, Paolo Signorelli)