giovedì, ottobre 18, 2018
Home Articoli Tu non guardi pubblicità. E’ la pubblicità che guarda te

Tu non guardi pubblicità. E’ la pubblicità che guarda te

Schermi pubblicitari, totem promozionali, belle donne seminude in lingerie per attrarti, farti fermare e acquistare la prossima vacanza al mare… Ma non è tutto: anche se non lo sapevi e nessuno te lo ha mai detto, dietro quei messaggi pubblicitari ci sono telecamere che vedono come reagisci a quei messaggi. Vedono se ti viene la bava alla bocca per un seno scoperto, se sorridi per uno slogan indovinato o se disapprovi un servizio offerto. E non lo sai.
Ti spiano, ma non lo sai, perché nessuno è tenuto a dirti che ti sta spiando… Questo è il mondo occidentale della libertà, dove i liberi sono solo i pubblicitari che ti studiano come topo da laboratorio per capire come spillarti gli ultimi spicci che ti rimangono.

(www.repubblica.it) – 10/02/2018 – Gli schermi pubblicitari in stazione ci osservano: interviene il Garante

I totem che trasmettono spot, meteo e notizie analizzano le nostre reazioni per valutare l’impatto del messaggio. L’Autorità ha imposto un cartello che segnali la presenza di una telecamera.

I totem pubblicitari piazzati nelle principali stazioni ferroviarie italiane ci spiano. Mentre trasmettono spot, previsioni meteo e notizie ci registrano per analizzare le nostre reazioni. Tutto questo, però, a nostra insaputa visto che fino ad oggi la presenza delle telecamera non è mai stata segnalata al pubblico. Le cose, però, stanno per cambiare.

Il Garante della Privacy ha infatti imposto a Grandi Stazioni Retail – la società che si occupa degli spazi pubblicitari nei maggiori hub ferroviari italiani – di predisporre un’informativa da mettere nei pressi dei “totem spioni”. Sarà un messaggio semplificato che però potrà essere approfondito sul sito di Grandi Stazioni Retail o tramite smartphone con l’utilizzo di un Qr code.

Come funziona. Le telecamere servono a valutare l’impatto della pubblicità e il tipo di pubblico che la guarda. Un sensore è in grado di riconoscere l’espressione facciale e di catalogarla tra cinque stati d’animo, tra felice e triste. Non solo: l’occhio elettronico calcola anche il tempo di permanenza di fronte allo schermo, così come il nostro sesso e la fascia d’età approssimativa.

Il Garante aveva già dato il suo ok a questa tecnologia nel 2012. Seppure l’idea di essere spiati mentre guardiamo uno spot risulti piuttosto inquietante, la nostra privacy non è violata.

I volti sono e restano anonimi e, soprattutto, le immagini non vengono conservate né trasmesse ad alcun dispositivo terzo. Tutto rimane all’interno del singolo totem. Vengono solo inviati a un sistema centrale i dati statistici di gradimento.

Allora perché l’Autorità ha deciso di intervenire, a oltre cinque anni di distanza? È lo stesso Garante a spiegarlo: “L’apparecchiatura installata per effettuare l’analisi del volto di chi osserva gli annunci promozionali, anche se in locale e per un brevissimo lasso di tempo prima della immediata sovrascrittura delle immagini, effettua comunque un trattamento di dati personali funzionale all’analisi statistica dell’audience”.

Insomma, è pur vero che ai volti non viene associato un nome, ma secondo il Garante è il fatto stesso di essere osservati e “catalogati” a fini statistici che rende obbligatoria l’informativa.

L’Autorità ha anche imposto a Grandi Stazioni Retail di tenere sotto controllo ogni sei mesi la telecamera e la memoria interna per scongiurare il rischio di malfunzionamenti o tentativi di furto delle immagini.