Modello occidentale? Sì, per le stragi a scuola!

Ennesimo studentello psicopatico statunitense che entra a scuola armato e prende a mitragliate i suoi compagni e le maestre. Gioventù disillusa e psicopatica, imbottita di medicinali per controllare le emozioni, guidata da modelli sbagliati e irraggiungibili, tra droga, tette siliconate e rapper miliardari. Ragazzini che prima di bere il latte materno hanno giurato che non c’è un dio ed è tutto vero solo quel che vedono e toccano.
C’è chi ‘vince’ e si afferma nel mondo moderno (illuso sempre e per sempre) e chi fallisce, sconfitto (forse consapevole dell’irrealtà in cui vive). E lo sconfitto, a volte, non la prende bene, non capisce perché non possa partecipare anche lui al ‘ballo dell’illusione’ e allora prende il mitra di papà. E fa una strage.
Ma l’Occidente non guarda a questo scempio, a questo vuoto cosmico di identità e di direzione, a questo angosciante trascinarsi dal ventre materno alla tomba, senza mai chiedersi ‘io chi sono?’. O meglio, quando se lo chiede, viene preso dall’angoscia e dal turbamento. E finisce nella pazzia.
Siete ancora convinti che questi siano i ‘giovani che vi salveranno’?

Florida, ex studente apre il fuoco, strage in un liceo a Parkland: 17 morti e decine di feriti