KULTUR sotto l’ombrellone! Novità dagli scaffali

FEDELTÁ FEUDALE

Titolo completo: Fedeltà Feudale
Autore: Emmanuel Malynski
Anno: 2014
Pagine: 176


Il libro: 

“L’epoca del rispetto dei valori: così possiamo definire il Medioevo. Un rispetto, non imposto ma innato, verso le qualità intrinseche dei caratteri, quindi delle funzioni, superiori. Da ciò discendeva la fedeltà feudale : autentica devozione provata da chi riconosceva, e in essi si riconosceva, i grandi del mondo e le ‘grandezze’ che costoro esponevano. In quell’epoca si rispettavano tutti i valori, a eccezione dei “valori’ di borsa – i soli veramente stimati al tempo d’oggi.” “Grandi e piccoli, ricchi e poveri, uomini dei campi, proprietari e proletari siamo tutti, sotto il riguardo sia individuale che sociale, servi del capitalismo (…) Pagando le imposte sempre crescenti crediamo di compiere un dovere civico: in realtà paghiamo soltanto un tributo al capitale internazionale (…) Senza denaro, non possiamo produrre, consumare, crescere, morire, mangiare, dormire, respirare. E il peggiore dei mali è che tutto questo ha finito per sembrarci affatto normale.”

Fedeltà feudale è il titolo che viene dato a questa ristampa del volume di Emmanuel MalynskiFedeltà feudale e ‘dignità umana’, apparso nel 1976 per i tipi delle Edizioni di Ar. Nella visione controstorica dell’Autore, la ‘dignità umana’ è in verità il guadagno, ovvero la quintessenza del mercante, dell’usuraio, del capitalista: di quelli che sono, per il Malynski, i tipi fondativi, e perciò normativi, del mondo che, attraverso le rivolte democratiche, i movimenti liberali le guerre nazionaliste, è succeduto all’universo della fedeltà feudale, dell’onore. Sono onore e guadagno – dunque idèa e anti-idèa. natura e contro-natura – a disegnare, contendendosene l’anima, il paesaggio della cultura umana.

Il Medioevo si presenta come un paesaggio di città in rovina e sterpi che si smangiavano le strade, di banditi e pestilenze, di leggi che non riuscivano più ad assicurare l’equilibrio sociale e di orde barbariche che irrompevano a creare ancora più scompiglio. Il popolo, funestato dai più diversi terrori, braccato dalla sorte, gettò la maschera e, ammessa la propria incapacità di autonomia, mosse in cerca di protezione: ebbe bisogno di un Signore o del Signore.

Nacquero così quei centri attrattivi che furono i castelli, da un lato, i conventi, dall’altro. Sotto molti aspetti, in origine, ciò che canta la tradizione cavalleresca, e l’animo nobile di oggi decora, era un espediente cui i popolani bisognosi ricorrevano per sopravvivere. Eppure, anche un fenomeno scatenato da un dato di fatto così meschino – la pavidità e pochezza dell’uomo comune – si decantò sino a comporre un’etica fondata sulla fedeltà, la lealtà, l’onore. Sbugiardare le illusioni ideologiche di oggi: questa è l’opera, esemplare nel rivoltare il veleno in farmaco, compiuta da Emmanuel Malynski e dagli autori che ne hanno seguito le tracce.

Per acquistare il libro, CLICCA QUI!

MITHRA IL DIO DEI MISTERI

Titolo completo: Mithra il dio dei misteri

Autore: Maarten J.Vermaseren

Anno: 2018


Il libro:

In Oriente, in Persia, nell’India, scritti poco espliciti attestano l’importanza di Mithra nel corso di quasi due millenni, a fianco del grande dio del cielo Ahura-Mazda, ma non forniscono alcun dettaglio particolare sulla sua dottrina né sulla sua personalità esplicita. A questa fonte se ne aggiunge un’altra che si compone quasi esclusivamente di monumenti archeologici, edifici, raffigurazioni, iscrizioni, e che si limita a Roma e all’Impero romano, dalla Siria alla Germania e alla Gran Bretagna, in un periodo limitato tra il I e il V secolo d.C. Questa seconda documentazione, priva di commentario storico o letterario o di esposizione dottrinale, è un libro d’immagini. Nel presente libro scopriremo invece un dio nuovo, salvatore dell’umanità, centro di una dottrina filosofica e religiosa.

Per acquistare il libro, CLICCA QUI!

FRAMMENTI DOTTRINALI

Titolo Completo: Frammenti Dottrinali. Epistolario inedito.

Autore: René Guénon

Anno: 2015

Pagine: 320

Il Libro: 

L’opera di René Guénon è uno dei punti di riferimento indispensabili per chiunque voglia conoscere le dottrine tradizionali, quelle orientali prima di tutto, e quanto rimane di quelle che erano proprie dell’Occidente.
Non si può non vedere che il mondo, nelle condizioni attuali, non è mai stato così lontano dallo spirito tradizionale, e come le forze contrarie a quest’ultimo stiano diventando sempre più aggressive e distruttive. Ci sembra perciò più che mai necessario che tutti gli scritti di René Guénon siano messi a disposizione dei lettori, poiché in ogni sua pagina si può trovare un nuovo insegnamento per chi ricerca il senso ultimo della Conoscenza universale, e così avviene anche per le lettere raccolte in questo volume.
Nonostante Guénon avesse senza sosta ribadito la sua individualità e la sua storia personale non hanno nessuna rilevanza nella sua opera, negando ogni valore ai dati biografici, pubblicare questa corrispondenza non contraddice la sua presa di posizione. Nelle sue lettere si incontrano numerosissimi passaggi relativi a questioni dottrinali, che finiscono per costituire un corpus a se stante, che è stato qui riunito e commentato, riorganizzando i brani secondo il modello dei libri pubblicati dallo stesso Guénon. La coerenza e il rigore con cui l’Autore rispondeva a ogni domanda dei suoi interlocutori e con cui trattava ogni argomento, rendono queste lettere un ricchissimo commentario alla sua opera e preziosi chiarimenti a un gran numero di temi trattati nei suoi libri.
Tra i suoi corrispondenti, tanti e di diversi paesi, compaiono, tra l’altro, molti dei più importanti scrittori del Novecento. L’epistolario qui pubblicato copre un arco di tempo particolarmente lungo, dal 1916 al 1950. Attraverso queste lettere, René Guénon, il preteso “inattuale’’, si rivela ancora una volta un intellettuale di una straordinaria, urgente contemporaneità, che se non smette di porci di fronte ai limiti del nostro mondo, ci offre anche tutte le chiavi per superarli.

Per acquistare il libro, CLICCA QUI!

METAFISICA DELLA GUERRA

Titolo Completo: Metafisica della guerra.

Autore: Julius Evola

Anno: 2001

Pagine: 168


Il Libro:

Necessario alla libertà quanto la pace, il combattere è parte ineliminabile del destino dell’uomo. Questi testi divulgativi di Julius Evola sulla metafisica della guerra cercano di individuare l’”archetipo dell’eroe”. L’autore afferma che la contesa – tra gli uomini e dentro l’uomo – è soltanto un aspetto del dissidio insito nelle cose del mondo e va colta come occasione per sciogliere l’anima dalla schiavitù della materia.

Il volume raccoglie scritti vari di Evola sulla guerra in senso metafisico: contiene anche il famoso scritto “dottrina aria di lotta e vittoria”.

Per acquistare il libro, CLICCA QUI!

LE MIE AVVENTURE IN MESSICO

Titolo Completo:Le mie avventure in Messico.

Autore: Leon Degrelle

Anno: 2008

Pagine: 136


 Il Libro:

(…) Degrelle, giovane dirigente dell’Azione Cattolica Belga, fu commosso dall’esempio e dall’integrità dei Cristeros, che si apprestavano a lottare e morire tanto coraggiosamente, uniti nel vincolo incancellabile della Causa di Cristo. (…)

(…) Rifletteva sui 12mila cattolici, che in Messico avevano incontrato la morte in atroci circostanze, torturati, bruciati vivi, impiccati da una barbarie rivoluzionaria e anticlericale. Volle allinearsi, assumere la difesa di quel popolo in guerra Cristiada, perseguitato e osteggiato senza tregua. Un giorno prese una decisione irreversibile. Non poteva continuare ad ascoltare a distanza. Aveva già sentito abbastanza, aveva accumulato ragioni e basi sufficienti. Si mise in cammino. Aveva preso la decisione di partire per il Messico per portare appoggio morale e umano ai Cristeros. (…)

Per acquistare il libro, CLICCA QUI!

 

MILITIA

Titolo completo: Militia

Autore: Leon Degrelle

Anno: 2017 

Pagine: 126


Il libro:

Raccolte in questo testo (giunto alla sua sesta edizione italiana), le parole del leggendario comandante Léon Degrelle oltrepassano la dimensione del ‘breviario’ etico-politico per rappresentare una lezione di verità, senza alcuna esigenza di ‘parlare’ (ovvero di confrontarsi) con situazioni ed eventi attuali. Il volume comprende pure lo scritto La nostra Europa, che rievoca con generosità di accenti la Sehnsucht dell’Ordine Nuovo Europeo, generata da esperienze e illuminata da visioni estranee alle pratiche dell’Europa guastata dall’infezione occidentalista.

Per acquistare il libro, CLICCA QUI!

FASCISMO RIVOLUZIONARIO

Titolo completo: Fascismo rivoluzionario

Autore: Luca Leonello Rimbotti

Anno: 2018

Pagine: 504


Il libro:

Il Fascismo rivoluzionario – o “di sinistra” – è quella componente progressista del movimento mussoliniano che intende sovvertire l’ordine borghese, il capitalismo, la finanza internazionale e lo sfruttamento operato dagli usurai ai danni del popolo, al fine di edificare – sulle macerie del vecchio mondo liberaldemocratico – la giovane Civiltà del Lavoro, liberamente organizzata nell’ordine corporativo.

Contrario anche al brutale collettivismo comunista – limitato ad una visione materialista che nega ogni riferimento all’identità storico-etnica delle stirpi – il Fascismo rivoluzionario intende costruire una comunità di popolo nella quale vengano fusi – in una sintesi totalitaria – la modernità e la tradizione, il socialismo e il nazionalismo, le aristocrazie eroiche e le masse popolari.

Ostacolato e frenato dai reazionari e dai conservatori che “fiancheggiano” il regime e innescano il tradimento finale, il programma politico dei “fascisti di sinistra” – egemone agli albori della Rivoluzione – poté esprimersi pienamente soltanto nei pochi mesi della Repubblica Sociale Italiana, in una situazione resa drammatica dallo sfortunato epilogo bellico.

La mistica della lotta, la fede nel capo carismatico, la fiducia nel destino di gloria, l’eroismo guerriero e la fanatica fedeltà all’Idea sono alcuni degli elementi che fanno del Fascismo un fenomeno non solo politico, sociale o economico, ma anche spirituale, culturale e addirittura religioso.

Questo libro ripercorre le vicende, le idee e i protagonisti della svolta nazionale e sociale: dagli arditi della Grande Guerra ai legionari di Fiume; dai futuristi ai sindacalisti; dai primi Fasci di Combattimento agli squadristi; dai corporativisti ai giovani dei GUF; dalla scuola di Mistica Fascista alle Brigate Nere repubblicane, passando per i grandi intellettuali che abbracciarono l’ideologia della rivoluzione italiana all’ombra del littorio.

Per acquistare il libro, CLICCA QUI!

LE CORPORAZIONI COME OPZIONE DI LOTTA

Titolo completo: Le Corporazioni come opzione di lotta.
Autore:Rutilio Sermonti
Anno: 2010
Pagine: 128


Il libro: 

Una logica assolutamente rivoluzionaria e autenticamente mussoliniana che poco ha in comune con le distorsioni emerse nel neofascismo e tuttora presenti nel suo ambito anche se, fortunatamente, in contemporanea con azioni concrete e trasversali che pure esistono e ci lasciano ben sperare. Un rivoluzionario che non smarrisce l’impronta evoliana grazie alla quale riconnette  l’attuale con l’eterno. “Le corporazioni hanno origini ben più antiche. Esse non sono un prodotto dell’economia capitalistica, ma proprio di quella artigianale che la precedette, tutta incentrata sull’ingegno e sulle qualità umane”. “Non esistono categorie contrapposte, vi è una categoria sola: di coloro che si dedicano ad una determinata arte o mestiere, graduata solo gerarchicamente, e la tendenza ad organizzarsi in un corpus si spiega solo, da un lato, con l’opportunità di instaurare regole di correttezza e onestà nella concorrenza tra artigiani dello stesso ramo, dall’altro di creare una coscienza unitaria, con legami anche religiosi e perfino esoterici, quasi da ordine monastico, tra di essi, che permettesse di esercitare a viso aperto una legittima influenza anche sulla conduzione dell’intera comunità civica”. Tutto si lega nella visione di Rutilio Sermonti: lo strumento rivoluzionario, la concezione organica e il richiamo a gerarchia essenziale con apertura a dimensioni superiori. Dall’Introduzione.

Per acquistare il libro, CLICCA QUI!

SCRITTI E DISCORSI DI BATTAGLIA

Titolo Completo:Scritti e discorsi di battaglia.

Autore:Primo De Rivera J.A.

Anno: 1993

Pagine: 242 


Il libro:

Il curatore Primo Siena, dopo aver tracciato un memorabile ritratto del fondatore della Falange, ci offre in edizione italiana una scelta di articoli e di discorsi di uno dei protagonisti di quei movimenti rivoluzionari che sollevarono la gioventù europea dal ’20 al ’40. In queste pagine non troviamo un testo di filosofia politica, ma un clima, una attitudine, uno stile, un richiamo all’Unità contrapposta ai particolarismi centrifughi. Troviamo quell’eleganza cavalleresca, quella forza della polemica contro il declinante stato liberale e quell’ansia di assorbire la rivoluzione delle masse nello Stato con cui José Antonio affrontò la sua battaglia politica, che fanno sì che non si estingue l’interesse per la sua figura.

Per acquistare il libro, CLICCA QUI!