giovedì, settembre 20, 2018
Home Articoli I sindacati stanno morendo

I sindacati stanno morendo

Calo vertiginoso delle iscrizioni alle associazioni sindacali nazionali. Strenua difesa degli interessi LGBT anziché quelli dei lavoratori, sterili opposizioni al confronto, divisione e campanilismo: ancora una volta abbiamo la contro-prova che il modello del Corporativismo è l’unica ‘opzione di lotta’, come ci ricordava il nostro caro Rutilio. Perché la Giustizia è Sintesi, non divisione. 
(www.repubblica.it) – 06/09/2018 – Fuga dal sindacato: perso mezzo milione di iscritti in due anni.

I dati dell’indagine Demoskopika. Calo maggiore per la Cgil: giù di 285 mila unità. Sale la Uil. E dall’analisi dell’attrattività dele organizzazioni dei lavoratori la Basilicata risulta la regione più “sindacalizzata”

La fuga dai lavoratori dai sindacati prosegue senza sosta e negli ultimi 2 anni le organizzazioni dei lavoratori hanno perso quasi mezzo milione di iscritti. È quanto emerge dall’indagine dell’Istituto Demoskopika, su dati forniti dagli stessi sindacati, secondo cui è la Cgil a registrare il maggiore decremento con un calo di ben 285 mila iscritti, seguita dalla Cisl con meno 188 mila tesserati. In controtendenza la Uil con circa 26 mila iscritti in più nell’arco temporale osservato. Nel dettaglio da fine 2015 a fine 2017, i tesserati hanno subito una contrazione di 447 mila persone, di cui ben 293 mila residenti (il 70%) nelle realtà regionali del Mezzogiorno.

APPEAL SINDACALE, LE  REGIONI A CONFRONTO
L’indagine va oltre o semplici numeri forniti dai sindacati ma mette insieme da un lato il dato degli iscritti e dall’altro la partecipazione alle attività dei sindacati per definire appunto il tasso di “appeal sindacale”. Piemonte, Valle d’Aosta e Campania si collocano in coda alla graduatoria delle regioni “più sfiduciate” dalle organizzazioni sindacali. Al contrario, sul podio delle regioni a maggiore appeal sindacale si posizionano Basilicata, Toscana e Sicilia.

FORTE CALO PER LA PARTECIPAZIONE

Il drastico calo degli iscritti fa il paio con la decisa flessione anche la partecpazione. Circa 574 mila italiani over 13 anni, pari soltanto all’1,2% della popolazione di riferimento hanno dichiarato di aver svolto attività sociale gratuita per un sindacato nel 2016 con un decremento di oltre 9 punti percentuali rispetto all’anno precedente, viene sottolineato nel rapporto che, analizzando il periodo 2015-2017, ha tracciato una classifica delle regioni in relazione all’attrattività delle principali organizzazioni dei lavoratori sul territorio. Due gli indicatori utilizzati: gli iscritti ai sindacati di Cgil, Cisl, Uil e le persone di 14 anni e più che hanno svolto attività gratuita per un sindacato.