LGBT è solo un busine$$

La ‘tutela’ dei vari gender-LGBT serve solo a spostare voti e a vendere di più, come gli amanti dei gatti e delle armi. Infatti, tutti i commercianti e i politici sanno che i LGBT compreranno e voteranno tutti coloro i quali promettono di fare i loro interessi o dichiarano di aderire a questo movimento: è un ragionamento logico e piuttosto semplice, volto ad attrarre consensi e clientela, per aumentare i fatturati, senza alcun vero interesse per la ‘causa arcobaleno’. Però, quando questo giochino si scopre così palesemente, i LGBT ci restano male, si sentono carne da macello, pecoroni incolonnati nella fila del voto o del supermercato con le bandiere arcobaleno. Ecco la notizia: Radio Globo prima sponsorizza il gay pride, poi parla male degli omosessuali. Che ci restano male, poverini.
 
(www.repubblica.it) – 12/09/2018 – Ha detto alla radio, durante la trasmissione che conduce, che “vedere due uomini che si baciano” gli fa schifo. E ora è polemica per le parole di Roberto Marchetti, conduttore del Morning Show della romana Radio Globo, che tra l’altro è stata tra i partner del Roma Pride. E gli organizzatori della manifestazione per l’orgoglio gay ora si dicono “pronti a interrompere qualsiasi partnership” con l’emittente romana.

“Dopo le scontate polemiche nessuna reazione è pervenuta da Radio Globo che, con il proprio atteggiamento, ha di fatto avallato quanto detto durante la trasmissione di cui ha la piena responsabilità editoriale”, scrive Sebastiano Secci, portavoce del Roma Pride – Quando Radio Globo si è offerta come media partner del Roma Pride eravamo felici che una radio generalista si impegnasse a divulgare i valori del Pride. Per questo la vicenda ci ha provocato delusione e rabbia, non solo per la gravissima affermazione del conduttore ma anche, e soprattutto, per il silenzio colpevole dell’editore”.