Cosa avete fatto?

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Adesso nello stato di New York, noto teatro di ‘progresso’, all’anagrafe i figli potranno essere registrati senza indicare il sesso, per lasciar loro ‘la libertà’ di ‘scegliere’ il proprio sesso. Eh già, non basta più guardare in mezzo alle gambe per sapere se è maschio o femmina. Perché non è detto che la situazione ‘infra-gambe’ sia corrispondente a quella nella sua mente, secondo questi progressisti criminali. Ma nessuno pensa che non riconoscere un sesso, quindi una identità e una direzione, a un neonato significa proprio plagiarla e deturparla quella mente.
Come potrà crescere un bambino che sappia che i genitori non hanno voluto riconoscere il suo sesso? Qualcuno pensa che un bambino o una bambina piccola siano in grado di riconoscere il proprio sesso? Oltre tutte le nefandezze della questione, questo mondo sta de-responsabilizzando i genitori, sta togliendo loro il compito di crescere, educare (ex-ducere) i propri figli. Tutto ciò, nella ridicola convinzione che non esista il maschio e la femmina, ma una serie sterminata di categorie sessuali. 

(www.ansa.it) – 15/09/2018 – ‘Gender X’: questa la scritta che d’ora in poi potrà comparire sul certificato di nascita di chi e’ venuto alla luce a New York e non si riconosce ne’ nel genere maschile ne’ in quello femminile.
La decisione e’ stata presa a grande maggioranza al City Council e permetterà anche ai genitori di poter scegliere la ‘X’ per designare i propri figli neonati. Esultano la comunità transgender e lgbt della Grande mela, che parlano di “decisione storica”.
Gli adulti che lo desiderano potranno cambiare così il proprio certificato di nascita senza che ci sia bisogno di una certificazione medica.