P. Buttafuoco | Steve Bannon? La solita (minestra) rivolta(ta)

In questi tempi di grande confusione, a destra, c’è chi stravede per Steve Bannon, guru dell’alt-right a stelle e strisce. Sul nostro sito, nei giorni scorsi, abbiamo dato ampio spazio all’importante contributo di RigenerAzione Evola, sull’erronea identificazione Bannon-Evola e alt right-Tradizione e sui pericoli della fascinazione per The Movement. Oggi, il breve e puntuale intervento della penna di Pietrangelo Buttafuoco, chiosa con ironia sulla faccenda.

di Pietrangelo Buttafuoco

(da Il Sole 24 Ore, 30/09/2018) – Steve Bannon, già stratega di Donald Trump e dell’alt-right, è il Machiavelli a disposizione del sovranismo internazionale.

Licenziato dalla Casa Bianca passa gran parte del suo tempo in Italia dove, per riflesso condizionato, gode di uno squinternato esorcismo: “E’ il nuovo Julius Evola”.
Bannon – manco a dirlo – nella sequela del Barone dada, sulle tracce della Rivolta contro il mondo moderno, con gli illuminati dei Veda, incontra l’anatema.

Evola, ostile al nazionalismo, è però inadatto come paragone, e cozza anche la vocazione dello stesso Bannon di aprire scuola presso l’Abbazia di Trisulti dove forgiare di studi religiosi, e non propriamente pagani, i suoi discepoli.
E’ come le Frattocchie, la vecchia scuola comunista, aggiornata ai tempi nuovi – all’età oscura, direbbe Evola – con uno smottamento geografico che dai Castelli Romani porta alla Ciociaria.

La dottrina di Bannon – più che la squisita zuppa ciociara – è solo la minestra revotata dei neo-con occidentalisti.
Uguale, infatti, alla civilizzazione di Leo Strauss, il filosofo degli atei devoti per i quali “la Religione è l’oppio dei popoli”, la massima di Karl Marx, urge – con l’aiuto dei Marines – di applicazione giudaico-cristiana: Diamo l’oppio ai popoli”.

Altro che Shiva, è la famosa Revotata contro il mondo moderno.