Letto da un militante | Le tre prove legionarie

Le Tre Prove Legionarie

di Faust Bradescu

Novantico Editrice, Pinerolo, 2008.

ACQUISTA QUI LA TUA COPIA!

 

Si tratta di un libro agile, ma tutto da meditare, che si apre con una rigorosa definizione della dottrina legionaria. Uomo nuovo, spiritualità, Comunità, antidemocrazia, Patria. Questi concetti, sviluppati dalla penna di Bradescu, abbandonano qualsiasi alone di vaghezza e sentimentalismo, per essere incardinate in una chiara Visione del Mondo – e non rigida ideologia – animata anzitutto dalla Fede.

E’ proprio questa Fede, mossa da una visione essenzialmente spirituale, anteposta a qualsiasi formula economica o ricetta politica, che distingueva la Legione dell’Arcangelo Michele da qualsiasi altro partito o compagine politica della Romania tra le due guerre.

La seconda parte è lo sviluppo del racconto simbolico delle tre prove legionarie, descritte da Corneliu Codreanu nel Capo di Cuib. Non si tratta di una storia di fantasia, avverte l’autore, o di semplici metafore, ma – servendosi, come il mito, di archetipi – di simboli che rappresentano prove vissute quotidianamente dall’Uomo di Milizia, ripetutamente chiamato ad affrontare, ora la Montagna della Sofferenza, ora la Foresta delle Fiere Selvagge, infine, la Palude dello Scoramento, testando il dolore, il coraggio, la fede.

L’importanza di questa lettura è proprio quella di interiorizzare la coscienza di essere chiamati, come militanti sul Fronte della Tradizione, a continue prove, da combattere con semplicità d’animo, ma anche con forza e vigore. Sfidati da un nemico spesso invisibile, annidato dentro di noi, per tenere la barra dritta, e non abbassare mai la guardia, è imprescindibile il riferimento a quegli Uomini, come Codreanu e i suoi legionari, che hanno saputo vivificare e testimoniare una visione eroica della vita.