Ceresani, l’ambiente e l’apocalissi mediatica

Che i giornali, e i media in generale, siano tendenziosi è cosa risaputa da tutti.
Tuttavia, è sempre spiacevole leggere titoloni che provano a ridicolizzare alcuni temi o persone che, nella realtà dei fatti, di ridicolo hanno ben poco.
Il comportamento dei signori di repubblica.it (sempre loro) nei confronti del capo gabinetto del ministero per la famiglia e le disabilità, Cristiano Ceresani, non solo è tendenzioso, ma anche infamante.
La sua colpa? Dire che il pianeta sta male per colpa dell’uomo, che ha ceduto alle tentazioni del profitto, dietro cui si cela il maligno, a spese dell’ambiente. Apriti cielo, arrivano i titoloni a cinque colonne: “Cambiamento climatico? Colpa di Satana”.
Forse la sua colpa è parlare di trascendenza (termine sconosciuto a più di qualcuno), arrivando a citare “la Parusia”, ovvero la venuta di Gesù alla fine dei tempi: ma ecco che i “giornalai” stravolgono tutto, facendolo passare Ceresani per un fanatico dell’apocalisse.
Siamo molto vicini a quanto detto dal Ceresani ed alla visione spirituale della vita. Inoltre, e non ci stancheremo mai di ribadirlo: lo scherno di certi scribacchini materialisti è, per noi, solo un vanto!