Armati di KULTUR! Novità dagli scaffali

La Milizia dell’Arcangelo

Titolo completo: La Milizia dell’Arcangelo

Autore: Raffaele Ragni

Anno: 2009

Pagine: 112

Il Libro: Michele è un grido di battaglia. È la lotta contro una cospirazione malefica. Esprime una scelta incondizionata, libera e irrevocabile, quella di combattere per l’ordine divino. È una sfida personale lanciata in forma quasi impersonale, una volontà eroica che diventa nome ed esempio. La luce e le tenebre si separano. La guerra e il guerriero s’identificano. Quel grido diventa nome, e quindi missione, di chi lo pronuncia e di chi lo segue. Michele è il principe degli angeli. Michele è la sua milizia.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

Combattenti Dell’Onore

Autore: Paolo Teoni Minucci

Anno: 2001

Pagine: 293

Il Libro: Questo libro è il risultato di una ricerca che ha avuto, per oggetto, una minuscola rappresentanza di quanti, in divisa e in abito civile, militarono con ruoli gregari nelle file della RSI.

Furono uomini e donne che si impegnarono, con responsabilità e sacrificio, per riscattare dalla vergogna dell’otto settembre l’Onore d’Italia, costituendo il facile bersaglio di armi fratricide, durante i 20 mesi della guerra civile ma, ancor più, dopo la sua sanguinosa conclusione.

Sulla base di informazioni precarie, ho cercato i monumenti edificati in memoria di quei Caduti, sono stato là dove furono eretti, li ho fotografati, ne ho tracciato l’itinerario, ho ricopiato nomi ed epigrafi molte volte sbiadite e, per finire, ho completato le vicende narrate da quelle pietre, con le notizie documentate che mi è stato possibile raccogliere.

I motivi che hanno indotto questo lavoro sono:

— Rendere omaggio ai Caduti della RSI, cui questo libro è dedicato e, soprattutto, a quelli di loro che non ebbero e non avranno il conforto di una croce.

— Divulgare fra i giovani che non sanno, perché ne furono impediti, la conoscenza di una storia d’Italia, taciuta in patria, ma ben nota oltre confine.

— Conservare il più a lungo possibile, fra le pagine di un libro, il ricordo di quegli uomini e di quelle pietre che l’ingiuria del tempo, la mano vandalica, la povertà dei mezzi e delle forze dei superstiti, condannano inesorabilmente a sparire.

 — Raccogliere, in una singola pubblicazione episodi accaduti in tempi e luoghi, anche distanti fra loro.

Coloro che ne sentiranno il desiderio potranno recarsi in quei luoghi per una verifica, una riflessione, una preghiera, un fiore; gli itinerari descritti e le fotografie, ne faciliteranno il ritrovamento e non si avrà bisogno di chiedere.

Ho in tal modo sollevato il velo su alcune storie, tutte ugualmente tristi e tutte tristemente concluse, ignorate dai più, che rappresentano una frazione delle migliaia che non sapremo.     Ho raccontato i fatti che portarono gli italiani alla guerra civile, così come accaduti e nella loro sequenza cronologica.

Non credo che quanto narrato sia opinabile e questa presunzione mi deriva dall’avere presenziato a quegli avvenimenti; dall’averne conosciuto personalmente molti dei protagonisti; dall’attenta analisi di una grande mole di letteratura postuma; dall’aver messo, nell’esposizione, la massima obiettività.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

Dell’Uomo Nobile

Titolo completo: Dell’uomo nobile

Autore: Meister Eckhart

Anno: 1999

Pagine: 242

Il libro: I quattro trattati raccolti in questo volume – Istruzioni spiritualiDel distaccoIl libro della consolazione divina e Dell’uomo nobile – attingono alla grande tradizione medioevale, da Origene ad Agostino ad Avicenna, ma solo per introdurre il percorso originalissimo di Eckhart, proteso all’evento unico della Nascita: la nascita eterna di Dio nel fondo silenzioso dell’anima. La virtù suprema che dispone l’anima a tale evento è il distacco, che, svuotando il pensiero di ogni contenuto, obbliga Dio a scendere in noi con la necessità di una legge fisica, allo stesso modo in cui un liquido viene attratto in un contenitore vuoto – giacché «essere vuoto di ogni creatura è essere pieno di Dio, ed essere pieno di ogni creatura è essere vuoto di Dio». E, come ammonisce Eckhart con quel forte, incandescente gesto che fa vibrare dalle fondamenta il linguaggio dei trattati: «Nulla sa più di fiele del soffrire, e nulla sa più di miele dell’aver sofferto; nulla di fronte agli uomini sfigura il corpo più della sofferenza, ma nulla davanti a Dio abbellisce l’anima più dell’aver sofferto. Il più saldo fondamento su cui può sorreggersi questa perfezione è l’umiltà, giacché lo spirito di colui la cui natura striscia quaggiù nella più profonda bassezza, si innalza in volo verso le supreme altezze della Divinità». Chi realizza dunque questo distacco è l’«uomo nobile» di cui parla il Vangelo: come la Grande Aquila di Ezechiele, egli sale verso il Regno al di là delle forme e delle immagini e ne prende possesso, per riportarne sulla terra il nocciolo prezioso e indistruttibile.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

Le Sacre Radici del Potere

Scelta di saggi politici 1929-1974 a cura di Renato Del Ponte.

Autore: Julius Evola

Anno: 2010

Pagine: 284

Il libro: A ventitré anni dalla prima edizione di questo volume che, insieme con l’indimenticabile amico ingegnere Rinaldo Orengo (1895-1991), mettemmo a punto nel 1986, vede oggi la luce questa nuova edizione per la casa editrice Arya di Genova.

Essa appare con l’aggiunta di alcuni nuovi scritti sul tema tratti dalla rivista evoliana “La Torre” (1930) e da collaborazioni ai periodici “La Nobiltà della Stirpe” (1933), “Rivolta Ideale” (1953) e al quotidiano “La Stampa” (1943).

Come si potrà desumere dalle date di prima composizione, gli argomenti oggetto della presente antologia rappresentano un po’ una “costante” del pensiero evoliano. Infatti dal saggio Sul significato dell’aristocrazia del febbraio 1929 o da quello dedicato alla Consacrazione dei Re e lo Spirito Santo del 15 aprile 1930, sino a quello sul Significato e funzione della Monarchia, uscito nel 1969 in appendice ad un libro di Karl Loewenstein, pur nel comprensibile mutare dello stile e nella crescita delle capacità di analisi, l’accento è in ogni caso posto sul lato trascendente dell’ideale monarchico e aristocratico.

In questa vera e propria metafisica della Monarchia non ha spazio alcuno il riferimento – per quanto sincero, patetico o anacronistico che possa essere – al cosiddetto legittimismo, alla discussione sterile, che ancora in un recente passato poté contrapporre “fedeli” o sostenitori dell’una o dell’altra Casa regnante, di recenti o antichi Sovrani che si sono alternati nei territori di questa infelice nazione che si chiama Italia, ma l’idea, pura e olimpica, quasi “l’idea platonica” della sovranità: quella che una superiore forza divina è in grado di conferire a certe particolari personalità.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

La chiave della Divina Commedia

Titolo completo: La chiave della Divina Commedia

Autore: Luigi Valli

Anno: 2016

Pagine: 224

Il libro: Dice l’Autore nella prefazione: «Il lettore tenga presente che il valore di ciascuna delle singole interpretazioni è dato sostanzialmente dalla presenza di tutte le altre e dalla loro complessiva armonia, che ciascuna interpretazione presuppone la veduta d’insieme esposta nei prolegomeni e che il distaccare e pretendere di giudicare a sé l’una o l’altra delle interpretazioni singole non vuol dire confutarla, ma vuol dire rifiutarsi a intenderla. Si tenga presente anche che in questa brevissima sintesi ho voluto dare soltanto un’idea generale del pensiero segreto del Poema e dei diversi canti, non affatto un’esposizione di tutto ciò che già si può dire intorno al simbolismo dantesco e, dato l’intento del lavoro, non sembri strano che i canti e gli episodi che non contengono importanti elementi simbolici siano lasciati senza chiosa alcuna. Questo non è un commento, è soltanto l’esposizione del pensiero simbolico fondamentale del Poema».
Luigi Valli, maestro insuperato della interpretazione delle allegorie dantesche della Divina Commedia, analizza in queste pagine tutti i canti delle tre Cantiche: Inferno, Purgatorio, Paradiso. Precedono lo studio i prolegomeni, nei quali sviscera l’interpretazione dell’Aquila e della Croce, analizzando anche il “pensiero segreto” della Divina Commedia nella Monarchia e nelle Epistole.

Luigi Valli (1878 – 1931), professore di filosofia morale all’Università di Roma, riprese, con i suoi studi le tesi sull’interpretazione allegorica della Divina Commedia e delle poesie del dolce stil novo, argomenti già affrontati da Gabriele Rossetti, Eugene Aroux, Giovanni Pascoli (che fu prima suo maestro e poi suo intimo amico), e dottrinalmente da René Guénon.
Luni ha pubblicato di Luigi Valli Il segreto della Croce e dell’Aquila nella Divina Commedia e il testo fondamentale per comprendere appieno l’interpretazione del linguaggio segreto che i poeti del nostro Medioevo utilizzeranno, Il linguaggio segreto di Dante e dei «Fedeli d’Amore».
 
PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

Le tre prove legionarie

Titolo Completo: Le tre prove legionarie

Autore: Faust Bradescu

Anno: 2008

Pagine: 130

Il libro: La Legione dell’Arcangelo Michele ha incarnato nella maniera più pura gli ideali che hanno caratterizzato i partiti nazionalisti e fascisti nel secolo scorso e che ieri, oggi e per sempre, ogni uomo di Militia del Fronte della Tradizione sente propri. A oltre sttant’anni dalle rivoluzioni nazionali, i problemi sociali, politici e spirituali dell’Europa non solo non sono stati risolti, ma anzi appaiono drammaticamente riacutizzati; allo stesso modo, la soluzione degli stessi rimane quella indicata dal Capitano Corneliu Codreanu e dai suoi Legionari: l’Uomo Nuovo. Occorre, come ci ricorda Bradescu, non pensare all’uomo come un individuo, un’astrazione, un numero, come fanno il comunismo e il liberismo, ma considerarlo come il vero protagonista della rinascita nazionale.

 
PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!