Grillo si leva la maschera. Sorpresi?

Nel fine settimana appena trascorso si è svolta a Napoli la festa per i dieci anni del Movimento 5 stelle. Si è svolta la festa di un movimento che nasceva per combattere il sistema, per distruggerlo e “rivoluzionarlo”, un movimento che si è trovato poi, come tutti abbiamo constatato in questi ultimi mesi, a svolgere il ruolo di “garante-stampella” di quello stesso sistema. E ne avevamo parlato dettagliatamente qui.
Ancora prima delle recenti capriole parlamentari, uno sguardo attento poteva intravedere i piani sovversivi e dissolutivi che hanno da sempre caratterizzato i burattinai del movimento.
Riguardo a questo Grillo, nel contesto del suo intervento alla festa in questione, ha voluto chiarire a tutti le idee.
Con una voce e un tono da pelle d’oca e il viso truccato da Joker, il comico ha voluto svelare definitivamente il suo vero volto e di conseguenza quello del movimento.
Io sono il caos…sono io il vero caos”: queste, fra le altre, le affermazioni di un Grillo fin troppo chiaro e limpido. Per chi ancora non fosse ancora convinto fino in fondo, il pagliaccio a capo dei 5 stelle ha semplificato la composizione degli schieramenti. 
Il movimento degli pseudo-rivoluzionari agisce apertamente per la sovversione, per il caos, per la distruzione di qualsiasi vero Ordine. Fino a poco tempo fa erano costretti a fare tutto questo in modo velato. Ora, in una realtà che precipita sempre più velocemente verso la fine della corsa, possono anche permettersi di svelare apertamente i loro piani.
La loro faccia, man mano che si tolgono le maschere, si vede sempre più chiaramente, ed è mostruosa. Non scherzano, fanno sul serio.

(tratto da www.repubblica.it) – Napoli, Grillo truccato da Joker: “Io sono il caos”. E sui malumori per accordo Pd: “Vaffa… a voi”

“Io non faccio piani, il caos è la più grande forma di democrazia. Io sono il caos”. Un Beppe Grillo travestito da Joker anticipa in video l’ingresso del comico genovese che mostra di non aver perso la sua verve da mattatore. Calca il palco dell’Arena Flegrea di Napoli a suon dei vecchi “vaffa” stavolta, però, rivolti al suo stesso popolo grillino. “E il pd e non il pd… Maledetti! Noi abbiamo cambiato pezzi dentro, non siamo più quelli di 10 anni fa, dovete viverlo come un evento straordinario. Altrimenti Vaffa a voi”.