Cosa ha detto Assad alle tv siriane – di Hanieh Tarkian

(a cura di Hanieh Tarkian)

Estratti dell’intervista del presidente siriano Assad ai canali televisivi siriani

Il presidente siriano Bashar Assad ha rilasciato ieri un’intervista ai canali televisivi siriani al-Sourea e al-Ikhbariya, interpellato riguardo alla presunta operazione degli Stati Uniti per catturare Abu Bakr al-Baghdadi e la sua conseguente uccisione, nonché al fatto che Trump abbia ringraziato la Siria, ha sottolineato che la Siria non ha partecipato a questa operazione e “ne abbiamo sentito parlare solo attraverso i media. Forse, il motivo dietro l’inclusione di un certo numero di paesi come partecipanti a questa operazione è di dare loro credibilità in modo che questi paesi non si sentano in imbarazzo, ma abbiano il desiderio di essere parte di una “grande” operazione, come hanno cercato di ritrarla gli americani. E in questo modo, hanno ottenuto il merito di aver combattuto contro il terrorismo. Non abbiamo bisogno di tale credito. Siamo noi che combattiamo contro il terrorismo. Non abbiamo relazioni e non abbiamo avuto contatti con alcuna istituzione americana”.

Il presidente Assad ha inoltre aggiunto che non esiste alcuna prova per dimostrare che l’operazione abbia effettivamente avuto luogo, nessun aereo è stato rilevato dagli schermi radar. Chiede il Presidente “Perché i resti di al-Baghdadi non sono stati mostrati? Questo è lo stesso scenario che si era verificato con Bin Laden” e aggiunge che quando fu catturato il presidente Saddam Hussein, l’intera operazione fu mostrata e lo stesso accadde quando uccisero i suoi figli diversi mesi dopo e mostrarono i corpi, “quindi” afferma “perché hanno nascosto tutto sull’operazione contro Bin Laden e ora anche sull’operazione contro al-Baghdadi? Questo fa parte dei trucchi giocati dagli americani. Questo è il motivo per cui non dovremmo credere a tutto ciò che dicono a meno che non presentino prove. I politici americani sono in realtà colpevoli fino a prova contraria, non viceversa”.

Al presidente Assad viene chiesto se nel caso al-Baghdadi fosse stato effettivamente ucciso, ciò significasse anche la fine della sua organizzazione, risponde: “Al-Baghdadi rappresenta l’ISIS e l’ISIS rappresenta un tipo di dottrina, che è la dottrina estremista wahhabita. Questo tipo di pensiero ha più di due secoli. Finché questo pensiero è vivo e non viene messo da parte, né la morte di al-Baghdadi, né la morte dell’ISIS nel suo insieme, avrà alcun effetto su questo pensiero estremista. Per quanto riguarda al-Baghdadi come individuo, è risaputo che si trovava nelle carceri americane in Iraq e che lo hanno fatto uscire per svolgere questo ruolo. Quindi, è qualcuno che potrebbe essere sostituito in qualsiasi momento … La politica americana non è diversa da Hollywood; si basa sull’immaginazione. Neanche la fantascienza, solo pura immaginazione … al-Baghdadi sarà ricreato con un nome diverso, un individuo diverso, o l’ISIS nella sua interezza potrebbe essere riprodotto secondo necessità con un nome diverso ma con lo stesso pensiero e lo stesso scopo. Il regista dell’intero scenario è lo stesso, gli americani”.

Riguardo all’accordo russo-turco ed un’eventuale legittimazione dell’occupazione turca, il Presidente ha affermato che i russi hanno sempre seguito i principi del diritto internazionale, “questo accordo è temporaneo”, ha affermato il Presidente “dobbiamo distinguere tra obiettivi finali o strategici da un lato e approcci tattici dall’altro. A breve termine, è un buon accordo – e lasciami spiegare perché; l’incursione turca, non solo riflette l’avidità territoriale della Turchia, ma esprime anche il desiderio americano… Grazie a questo accordo, i russi sono riusciti a gestire i turchi, aggirare gli americani ed eliminare la richiesta di internazionalizzazione proposta dai tedeschi. Ecco perché questo accordo è un passo positivo. Non si ottiene tutto, nel senso che non spingerà i Turchi ad andarsene immediatamente. Tuttavia limita il danno e apre la strada alla liberazione di questa regione in futuro, o nel futuro immediato, come speriamo”.

Il presidente siriano accennando alla situazione di Idlib, ha affermato: “C’è un accordo stabilito ad Astana per cui i turchi sarebbero dovuto andarsene. I turchi non hanno rispettato questo accordo, ma noi stiamo comunque liberando Idlib … esaurite tutte le possibilità [diplomatiche] alla fine, abbiamo liberato le aree gradualmente attraverso operazioni militari. Lo stesso si applicherà nella regione settentrionale dopo aver esaurito tutte le opzioni politiche. Dobbiamo ricordare che Erdogan mirava, fin dall’inizio della guerra, a creare un problema tra il popolo siriano e il popolo turco, per renderlo un nemico, che avrebbe dovuto succedere per mezzo di uno scontro militare. All’inizio della guerra, l’esercito turco sostenne l’esercito siriano e cooperò con noi nella massima misura possibile, fino al colpo di stato di Erdogan contro l’esercito. Pertanto, dobbiamo continuare in questa direzione e garantire che la Turchia non diventi uno stato nemico. Erdogan e il suo gruppo sono nemici, perché guida queste politiche, ma fino ad ora la maggior parte delle forze politiche in Turchia sono contrarie alle politiche di Erdogan. Quindi, dobbiamo assicurarci di non trasformare la Turchia in un nemico, e qui arriva il ruolo degli alleati: il ruolo russo e il ruolo iraniano”.

Il presidente Assad interpellato riguardo a un sospetto accordo americano-russo-turco per il ritiro delle truppe americane dalla Siria settentrionale, e quindi il conseguente via libera all’aggressione turca e in seguito l’accordo russo-turco, ha affermato che i russi non facevano parte di questo accordo e “gli accordi russi sono sempre pubblici. L’accordo russo-turco è stato annunciato immediatamente, con tutti i suoi elementi; l’accordo tra noi e i curdi, con mediazione e sostegno russi, è stato reso pubblico fin dall’inizio. Non esiste un’agenda nascosta nelle politiche russe, il che ci dà garanzie”. Riguardo a Trump invece il presidente siriano ha sostenuto “Dico che è il miglior presidente americano, non perché le sue politiche siano buone, ma perché è il presidente più trasparente. Tutti i presidenti americani commettono tutti i tipi di atrocità politiche e tutti i crimini e ancora vincono il premio Nobel e si proiettano come difensori dei diritti umani e dei nobili e unici valori americani, o dei valori occidentali in generale. La realtà è che sono un gruppo di criminali che rappresentano gli interessi delle lobby americane, cioè le grandi compagnie petrolifere e di armi, e altri. Trump parla in modo trasparente, dicendo che ciò che vogliamo è il petrolio. Questa è la realtà della politica americana, almeno dalla Seconda guerra mondiale. Vogliamo sbarazzarci di tale o talaltra persona o vogliamo offrire un servizio in cambio di denaro. Questa è la realtà della politica americana. Cosa è più utile di un avversario trasparente? Ecco perché la differenza è solo nella forma, mentre la realtà è la stessa”.

Inoltre riguardo all’occupazione americana, il Presidente ha aggiunto: “la realtà è che gli americani sono occupanti, sia che si trovino ad est, a nord o a sud, il risultato è lo stesso… Quando avremo finito con le aree in base alle nostre priorità militari e raggiungeremo un’area in cui sono presenti gli americani, non mi abbandonerò all’eroismo e dirò che invieremo l’esercito per affrontare gli americani. Stiamo parlando di una super-potenza. Abbiamo le capacità per farlo? Credo che questo sia chiaro per noi come siriani. Scegliamo la resistenza? Se c’è resistenza, il destino degli americani sarà simile al loro destino in Iraq. Ma il concetto di resistenza ha bisogno di uno stato mentale popolare che è l’opposto di essere agenti e delegati, uno Stato popolare patriottico che compie atti di resistenza. Il ruolo naturale dello Stato in questo caso è quello di fornire tutte le condizioni necessarie e il supporto necessario a qualsiasi resistenza popolare contro l’occupante. Se mettiamo da parte la mentalità coloniale e commerciale americana che promuove la colonizzazione di determinate aree per denaro, petrolio e altre risorse, non dobbiamo dimenticare che i principali agenti che hanno portato gli americani, i turchi e altri in questa regione sono i siriani che agiscono come agenti di stranieri – traditori siriani. Affrontare tutti gli altri casi riguarda solo i sintomi, mentre dovremmo affrontare le cause. Dovremmo avere a che fare con quei siriani e cercare di riformulare lo stato patriottico della società siriana – per ripristinare il patriottismo, ripristinare l’unità di opinione e garantire che non vi siano traditori siriani. Garantire che tutti i siriani siano patrioti e che il tradimento non sia più una questione di opinione, una semplice differenza rispetto a una questione politica. Dovremmo essere tutti uniti contro l’occupazione. Quando raggiungeremo questo stato, ti assicuro che gli americani partiranno da soli perché non avranno l’opportunità di rimanere in Siria; sebbene l’America sia una superpotenza, non sarà in grado di rimanere in Siria. Questo è qualcosa che abbiamo visto in Libano ad un certo punto e in Iraq in una fase successiva. Penso che questa sia la soluzione giusta”.

Riguardo alla questione curda, il presidente Assad ha affermato: “è nostro diritto difendere la nostra integrità territoriale e diffidare delle proposte separatiste. Ma non abbiamo problemi con la diversità siriana. Al contrario, la diversità siriana è ricca e bella e si traduce in forza. Non abbiamo una visione avversa di ciò; ma la ricchezza e la diversità sono una cosa e separare e frammentare il paese è qualcos’altro, qualcosa di contrario”.