Armati di KULTUR! Novità dagli scaffali

L’EPICA DEI CIELI E DEI MARI

N O V I T À  E D I T O R I A L E  

Titolo completo: L’epica dei cieli e dei mari

Autore: Julius Evola

Anno: 2019

Pagine: 134

Il libro: La presente antologia raccoglie gli articoli pubblicati da Julius Evola tra il 1932 e il 1938 su L’Ala d’Italia e l’Italia Marinara, riviste che si occupavano, rispettivamente, di aviazione e di navigazione, uniti ad altri contributi a tema apparsi su Il Regime Fascista. Da queste pagine emergono chiarificazioni e indirizzi per saper vivere e approcciare la pratica del volo e della navigazione con un’attitudine eroica, virile e olimpica, al fine di cogliere, in tutti gli aspetti dell’esistenza, una personale opportunità di arricchimento interiore.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

IL GIOVANE EUROPEO

Autore: Drieu la Rochelle

Anno: 2019

Pagine: 160

Il libro: Questa guerra è l’ultima passione degli europei, gli uni sugli altri, nuovamente ingannati da vecchi costumi, presi a cannoneggiarsi tra loro. Ma giunge la pace e non si tratterà più che di scatolame e di auto a buon mercato. Il popolo russo è esente da questi disegni sordidi e sta per scatenare la sua anima contro il mondo. Non si tratta di comfort ma di bellezza: questo popolo di contadini danzatori sta per spezzare ovunque il macchinario del Demonio.” A cura di Marco Settimini quella proposta in questo libro è la versione rivista e corretta dallo stesso autore nel 1941 assieme ad altri testi poetici. Per il suo interesse biografico e filosofico, in conclusione è tradotto un breve frammento della prima versione, comprendente due parti integralmente stralciate da Pierre Drieu La Rochelle in sede di revisione.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

GUERRA ALL’EUROPA

Titolo Completo: Guerra all’Europa. Le manovre occulte dell’alta finanza alla conquista del mondo.

Autore: Renzo Pellicano

Anno: 2015

Pagine: 447

Libro: “…È in corso nell’intero pianeta un’aggressione globale allo Stato-nazione, che i media tentano di mascherare come operazioni di pace, sotto forma di sistemi vassalli neocoloniali di caste politiche, esponenti della cultura accademica organici al sistema, intellettuali, poteri esecutivi degli Stati, tutti asserviti alla plutocrazia globale. Imperversa una guerra totale, combattuta con i più sottili artifizi, che giunge alla liquidazione delle élites culturali e politiche indipendenti, che potrebbero riuscire a respingere le suggestioni sistematiche dei media. Si giunge così all’imposizione di una monocultura tirannica. Si finanziano le economie nazionali per poterle più agevolmente mondializzare e le si obbliga all’indebitamento, come ulteriore mezzo di assoggettamento, e si usano le privatizzazioni come mezzo per far perdere il controllo sulle aziende strategiche nazionali…”

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

IL PROBLEMA DELLA SCUOLA

Collana: Paideia

Autore: Guido De Giorgio

Anno: 2019

Pagine: 108

Il libro: Attraverso Il problema della scuola, pubblicato per la prima volta nel 1955, Guido De Giorgio sintetizza, dal punto di vista tradizionale, i problemi che attanagliano l’istruzione nell’età contemporanea. Le riflessioni qui contenute sono frutto della decennale esperienza di docenza svolta dall’autore fra Tunisi e Mondovì. L’interesse mostrato da De Giorgio per la scuola e la didattica, che si palesa anche attraverso i due manoscritti inediti che qui vengono presentati (La scuola elementare e La scuola è vita), è inoltre espressione della conoscenza dei principi di ordine tradizionale di cui era in possesso l’autore. Come si avrà modo di intendere dalla lettura di queste equilibrate, alte e profonde pagine – grazie anche all’ottimo saggio introduttivo di Gianluca Marletta – la prospettiva tradizionale dell’insegnamento, dell’educazione e della pedagogia si arricchisce, da oggi, di un notevole auspicato contributo.

L’autore: Guido Lupo Maria De Giorgio nasce il 3 ottobre 1890 a San Lupo nella provincia di Benevento. Laueratosi giovanissimo a Napoli in filosofia, si trasferisce a Tunisi, dove insegna italiano in un liceo e dove entra in contatto con ambienti esoterici islamici. Subito dopo la prima guerra mondiale si trasferisce a Parigi dove entra in contatto con René Guénon. Rientrato in Italia collabora con Julius Evola scrivendo su Ur, La Torre e Regime fascista, usando di volta in volta gli pseudonimi Zero e Havismat. Dopo la morte del figlio Havis avvenuta durante la guerra d’Etiopia, scelse di vivere isolato tra le montagne piemontesi dove morirà il 27 dicembre 1957.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

LA GUARDIA DI FERRO

Documenti per il Fronte della Tradizione – Fascicolo n. 17

di L. Baracchi

68 pp.

Riedizione, sotto una nuova veste, del fascicolo n.17, racchiuso per la prima volta in una speciale collana: “Fascismi Europei”.

In Italia, già nel 1938, numerose erano le testimonianze sulla Guardia di Ferro, e numerosi erano coloro che annoveravano Codreanu e la Legione tra i più puri interpreti dell’esperienza fascista in Europa. Significative erano state le parole del Capitano su Mussolini e sulla Rivoluzione Fascista in Italia, che avevano indicato ai nazional-rivoluzionari europei, la strada maestra per liberare i popoli europei dalla tirannia liberale e comunista. Per questo motivo la Legione dell’Arcangelo Michele, era stata tra i primi movimenti europei ad aderire agli incontri organizzati dal CAUR (Comitati d’Azione per l’Universalità di Roma). Questi incontri avevano lo scopo di costruire un Fronte Europeo da opporre alle schiaccianti pressioni dei poteri occulti, che volevano assoggettare l’Europa ai loro sporchi traffici.
Quale importanza la Legione desse a questi incontri è testimoniato dal fatto che lon Mota, presiedeva la delegazione romena e fosse uno degli organizzatori più attivi. Codreanu sapeva che il pericolo per i popoli europei era la seduzione che suscitavano, soprattutto nelle classi più povere il comunismo e le sue menzogne.
Menzogne che si allargavano a macchie d’olio, grazie ai potenti mezzi propagandistici di cui potevano disporre l’alta finanza internazionale e le altre forze occulte.
Per contrastare i nemici non c’erano risorse sufficienti, ed allora il Capitano suggeriva ai legionari di diffondere il più possibile il materiale di propaganda edito dalla Legione. NeI Capo di Cuib così si esprimeva Codreanu: “Ogni Cuib si trova di fronte un certo numero di persone conosciute. Può trattarsi di amici, di persone indifferenti o di nemici Una persona può essere influenzata da un certo libro, un determinato articolo, un certo giornale e rivista …. Deve dare materiale anche al nemico? Si. Perché dopo quanto leggerà oggi, domani, dopodomani, il nemico comincerà a dubitare. E il nemico che dubita sarà sconfitto” (Punto 13, II Capo di Cuib, Ed. Ar). II libro di Baracchi Tua, edito nel febbraio del 1938 è una sintesi dell’opera di Codreanu “La Guardia di Ferro”, che sarà edito a cura degli stessi legionari in Italia alla fine dello stesso anno, per ordine dello stesso Capitano.
Il testo di Baracchi Tua rappresenta, quindi, il primo tentativo sistematico di far conoscere, in Italia, la dottrina e l’azione svolta dai legionari in Romania, con il fine di sensibilizzare il Fascismo ad una maggiore intesa con la Guardia di Ferro. La lettura di questo testo è utile ai militanti che vogliono con semplicità e chiarezza conoscere la storia, la politica e la dottrina della Guardia di Ferro nei suoi primi anni di vita.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

IMPETO DELLA VERA CULTURA

Documenti per il Fronte della Tradizione – Fascicolo n. 23

Riedizione, sotto una nuova veste, del fascicolo n.21, racchiuso per la prima volta in una speciale collana: “Radici Profonde”.

Terzo dei quattro fascicoli editi dal “Gruppo dei Dioscuri”

del Gruppo dei Dioscuri

36 pp.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!