Milano multi-etnica sempre più banlieue: roghi a Capodanno e botte ai Vigili del Fuoco

Milan l’è semper on gran Milan? No. La Milano produttiva, meneghina, un pò grigia e luogo di riscatto sociale ed economico per tanti, è ormai sempre più multi-etnica. E’ sempre più una enorme banlieau. A riprova di questo quanto successo a Capodanno. In un quadrante della città animato da centri sociali e palazzoni tutti occupati è andato in scena un rito collettivo metropolitano già visto tante volte a Parigi, Londra o nelle periferie americane ma al quale ci dovremmo sempre più abituare. Un manipolo di ragazzini, tutti griffati, con catene e orologi sbrilluccicanti, ha creato un enorme falò in strada e, all’arrivo dei Pompieri, ha pensato bene di aggredirli con bottigliate. Il tutto ripreso dagli smartphone e messo sui social, scandendo il gesto con gesti della “cultura trap” e sorrisi ebeti vari. Insomma, buon anno a tutti i milanesi!

(tratto da milanotoday.it) – Una vera e propria guerriglia urbana in zona Navigli. I vigili del fuoco sono stati accerchiati, spintonati e derubati delle chiavi di un’autopompa perché intervenuti a spegnere un incendio acceso per ‘festeggiare’ da un gruppetto di balordi ed esagitati: è successo nella notte milanese di Capodanno, a Milano.

A dare addosso ai pompieri, intorno all’una, secondo diverse fonti sarebbero stati alcuni appartenenti a un centro sociale più volte al centro delle cronache, il ‘Cuore in Gola’ in via Gola, e altri loro sodali – occupanti abusivi delle case popolari nell’area – che stavano festeggiando in strada l’arrivo del nuovo anno in modo molto molesto.

Secondo quanto riferito dalla polizia, intervenuta sul posto con tre volanti, i presenti hanno ammassato rifiuti e oggetti vari nel centro dell’incrocio con via Pichi, dando poi fuoco ai rifiuti. Le fiamme si sono sviluppate rapidamente, in altezza, producendo un rogo con un’alta colonna di fumo, e i residenti hanno chiamato il 115.

All’arrivo dei mezzi dei Vdf i giovani hanno ostacolato i pompieri, accerchiandoli, spintonandoli, insultandoli e lanciando loro addosso bottiglie vuote. Nel delirio totale, poi, qualcuno si sarebbe anche introdotto nell’autobotte usata per gli idranti spegnendola e portando via le chiavi. 

PER VEDERE IL VIDEO CLICCA QUI!