Un altro errore? ucciso 16enne palestinese

    384

    L’uccisione, nei giorni scorsi, di ben 19 civili palestinesi, era stata giustificata come un “errore”, non voluto in realtà dai vertici israeliani. Quel che sappiamo, e che la notizia di oggi ci riconferma, è che di errori, il comando israeliano ne fa un po’ troppi, a quanto pare dalle notizie che ci giungono in questi giorni. Un altro adolescente è morto, a seguito di un attacco aereo. Forse il pilota ha schiacciato il pulsante sbagliato?!

    Gaza, 12 nov. – Un adolescente palestinese e’ morto e altre tre persone sono rimaste ferite in seguito a un nuovo attacco aereo israeliano sul settore nord della Striscia di Gaza, la stessa zona teatro la settimana scorsa della strage di Beit Hanoun, costata la vita a diciannove palestinesi, donne e bambini compresi, a causa di un bombardamento di artiglieria che e’ stato poi imputato a un problema tecnico. La nuova vittima, identificata come Abdallah Abu Namus di 16 anni da fonti ospedaliere locali, e’ stata uccisa dall’esplosione di un missile aria-terra vicino alla cittadina di Beit Lahiyah. Tra i feriti vi sarebbe anche un agente delle forze di sicurezza dell’Autorita’ Nazionale Palestinese. Secondo una portavoce dell’Esercito d’Israele, il raid aveva come obiettivo un commando formato da tre estremisti palestinesi, che avevano appena lanciato un razzo contro la parte meridionale dello Stato ebraico e si sarebbero apprestati a scagliarne altri.

    FONTE: www.agi.it