Cara lavoratrice…

    336

    Lavoratori sfruttati, schiavizzati spremuti fino all’ultimo: questo l’esaltante panorama del mondo del lavoro oggi. Ci vogliono tutti piccoli ingranaggi di un grande meccanismo; mentre noi sudiamo loro ingrassano. Il lavoro non è il fine della nostra esistenza. Il lavoro non è la ragione di vita. Il lavoro è un mezzo per poter vivere e seguire più degni interessi.

    MILANO – Aveva chiesto mezz’ora di lavoro flessibile per poter riprendere la figlia da scuola, ma l’azienda, la Ipc Faip di Vaiano Cremasco (Cremona), ha deciso di risolvere il problema più drasticamente, licenziandola. Raffaella, operaia di 40 anni, aveva fatto domanda per poter avere trenta minuti di flessibilità da utilizzare per accudire la sua bambina, ma dopo un lungo braccio di ferro è stata messa alla porta.

    Fino a qualche settimana fa la donna, divorziata e senza altri redditi se non la sua paga di mille euro, per prelevare la figlia a scuola aveva sempre usato la pausa pranzo. Recentemente un accordo sindacale l’ha accorciata però di mezz’ora. La signora aveva chiesto quindi una deroga, con la disponibilità a recuperare la mezzora o a perdere la retribuzione. Ma niente da fare: dopo una serie di iniziative, e dopo gli scioperi di mezzora indetti dalla Flm Uniti-Cub per consentire alla lavoratrice di accudire la figlia, l’azienda ha deciso il licenziamento.

    La decisione della Ipc Faip, azienda leader nella produzione di strumenti per la pulizia domestica e professionale ad acqua, è stato subito impugnata; la prima udienza davanti al giudice è fissata per il 9 gennaio a Crema.