Streap tease di leva

    269

    Soldatesse di giorno, spogliarelliste di notte. Ecco come arrotondano lo stipendio le soldatesse dell’esercito israeliano.
    Sarà una subdola mossa per portare più giovani alle armi, oppure gli stipendi del settore, nel quale il ricco paese investe molte delle sue finanze, non sono così alti?

    TEL AVIV – Le stelle dello strip-tease del night vicino alla Borsa dei Diamanti a Tel Aviv, sono soldatesse di leva. Con i soldi messi da parte speramo di pagarsi un viaggio all’estero. Una di loro vorrebbe visitare il Giappone. Una serata buona , spiegano al cronista di uno dei principali quotidiani israeliani, il Maariv, "ci frutta fino a 600 shekel", più di 100 euro.

    Nella pubblicità del locale si fa grande sfoggio di serpenti annodati attorno alle forme di una non più giovanissima artista. Il direttore spiega che è arrivato alle soldatesse israeliane dopo che la burocrazia aveva fatto naufragare ogni suo tentativo di importare spogliarelliste esperte dai mercati del Brasile e dell’Ucraina. "Ho scoperto – riferisce al quotidiano – che alcune soldatesse di leva hanno tutta la stoffa necessaria per elettrizzare la clientela".

    All’interno del locale fu ambientato uno struggente romanzo centrato su una donna immigrata dalla Russia e poi caduta in disgrazia che, dopo aver lavorato alla Borsa dei Diamanti, si trovò costretta ad attraversare la strada per esibirsi di notte nel night e guadagnare soldi sufficienti per strappare alla fame la piccola figlia.

    Ora nel night si organizzano feste per ragazzi in procinto di arruolarsi nell’esercito: "E quale migliore incentivo a servire la patria – dice il direttore – che non mostrare in anticipo alle future reclute cosa li attende una volta in divisa".

    Fonte: www.repubblica.it