Solidarietà

    259

    Esprimiamo la nostra massima solidarietà a chi ha subito questo ennesimo atto di repressione, a Milano. Ancora una volta il sentimento di odio ha prevalso ed ha accecato gli occhi di chi ha compiuto questo gesto, pesantissimo. Con l’augurio che l’apertura dei locali dell’Ass. Cuore Nero possa avvenire regolarmente Sabato 14, rinnoviamo la nostra solidarietà e la speranza che non si cada nella trappola di chi, con vili atti, vuole rendere l’atmosfera politica invivibile.

    Questa notte, mercoledì 11 aprile, circa alle 2.30, una bomba ad altissimo potenziale ha completamente distrutto ed incendiato la sede di CUORE NERO in VIALE CERTOSA 311. Per puro caso, non ci sono state vittime (né morti, né feriti) ma è crollato sia il tetto che il pavimento e sono andati completamente distrutti tutti gli arredi per un danno di oltre 20.000,00 €. Sul posto sono subito intervenuti i Vigili del Fuoco e le Forze dell’Ordine ed il Presidente della Associazione ALESSANDRO TODISCO che ha sporto regolare denuncia ai Carabinieri. Oggi alle ore 13.00, in Viale Certosa davanti alle “rovine”, è prevista la Conferenza Stampa ufficiale dei promotori di Cuore Nero, la cui sede sarebbe dovuta essere inaugurata sabato prossimo. “Potevano ammazzare qualcuno, sono dei vigliacchi terroristi: non si illudano però di piegarci! Reagiremo con assoluta fermezza, civiltà ed intelligenza. Sabato organizzeremo una giornata di mobilitazione generale di PRESIDIO CONTRO IL TERRORISMO COMUNISTA, alla quale inviteremo tutte le istituzioni, le forze politiche cittadine e la maggioranza silenziosa dei milanesi” hanno congiuntamente dichiarato Alessandro Todisco e Roberto Jonghi Lavarini (principali promotori della iniziativa) che confermano ancora: “Cuore Nero è una Associazione Culturale Apartitica (riconosciuta ufficialmente dal Ministero degli Interni, dal CONI e dalle Regione Lombardia) che si occupa di Assistenza Sociale e Fiscale, Iniziative Culturali ed Artistiche (conferenze, presentazioni di libri, concerti, cineforum, mostre e rappresentazioni teatrali), Sportive e Ricreative (gare, tornei, feste e riunioni sociali)” Volevamo semplicemente organizzare, in modo legale ed assolutamente pacifico, le nostre attività in una sede con regolare contratto dove pagavamo (di tasca nostra!) un regolare affitto!”