La 7 o la setta?

    220

    E’ ormai passato qualche anno da quando La 7 è entrata nelle case dei telespettatori italiani… inizialmente appariva una televisione abbastanza superpartes, senza peli sulla lingua, dando spazio a Chiambretti e company. Ma più il tempo passava più emergeva il vero carattere del gruppo televisivo; ad oggi si può dire che il trio d’attacco sia composto da Crozza, Ilaria D’amico con il suo Exit e la già conosciuta Daria Bignardi con le sue “invasioni barbariche”, oltre poi a Ferrara e Lerner.

    Basta guardare la domenica sera “Crozza Italia” per avvertire il carattere sovversivo della trasmissione; puntualmente il comico si permette di sbeffeggiare il Papa, facendo anche male il suo lavoro (non fa molto ridere…). Le sue imitazioni sono mirate, e politiche: non è un caso infatti che i suoi attacchi da “non cattolico”, siano indirizzati alla decisione del Papa del ripristino della messa in latino e alle posizioni tradizionali del pontefice; pensate, cosa sarebbe accaduto se un comico avesse fatto la stessa cosa in un paese medioriontale o nella stessa europa di qualche secolo fa? O se avesse preso in giro le autorita’ di altre legittime religioni. O se lo avesse fatto all’indirizzo di qualche omosessuale…non pensateci proprio, e’ meglio…
    Daria Bignardi dalla sua ospita qualsiasi tipo di pervertito, fa campagna elettorale a Sinistra – si pensi come cercò di mettere in difficoltà Gianni Alemanno nel cuore della campagna elettorale per il sindaco di Roma, tirando in ballo fatti sanguinosi del passato politico che avevano riguardato da vicino il candidato facendogli perdere uno dei suoi migliori amici – e fa una spudorata campagna antitradizionale con le sue interviste, sponsorizzando a spada tratta Dico, fico e compagnia cantante…
    Per non parlare infine del ruolo svolto da Ferrara e il suo amico Gad Lerner…l’uno che fa l’uomo di destra-liberale, e sotto queste spoglie sponsorizzacio’ che meglio crede, l’altro ebreo non praticante che predica l’ateismo e il piu’ disumano progressismo…

    Pensandoci un po’ meglio, più che una tv privata… La 7 ci sembra una Setta!!! sic