E bravo Draghi!

    270

    Che si fa bello davanti ai giovani dell’Universita’, annunciando, in un discorso, che i giovani devono essere i protagonisti di una crescita sostanziale dell’economia nazionale. Basata sul consumo. Ma il consumo, forse, Draghi (nella foto Imagoeconomica) non si e’ chiesto a chi va, se le frontiere nazionali sono state aperte a imprenditori stranieri, e se quelli italiani ricercano manodopera in Cina e Romania dove costa meno di un decimo rispetto all’Italia. Draghi non si preoccupa, perche’ forse gli sta bene (eh, la cricca di Goldman Sachs…) che la moneta nazionale sia proprieta’ non nazionale ma privata, di qualche illustre banchiere. Questo e’ il cosidetto fenomeno del signoraggio, vale a dire, il guadagno derivante dall’emissione di moneta.

    TORINO – «Occorre che il reddito torni a crescere in modo stabile». È il monito lanciato dal governatore di Bankitalia, Mario Draghi, in una lezione all’Università di Torino aggiungendo che «una ripresa della crescita del consumo è fondamentale per il benessere generale, per la crescita del prodotto, per la stessa stabilità finanziaria. Destinatari e protagonisti di questo processo sono in particolare i giovani».

    IMPOVERIMENO DEI GIOVANI – I giovani, dice Draghi, potrebbero comprimere la loro propensione al consumo in ragione «di un reddito permanente atteso più basso che in passato» e della «discontinuità della vita lavorativa».

    STIPENDI – I livelli retributivi dell’Italia «sono piu bassi che negli altri principali paesi dell’Unione europea» ha aggiunto il governatore della Banca d’Italia. «Le differenze salariali rispetto agli altri Paesi – ha detto Draghi – sono appena più contenute per i giovani, si ampliano per le classi centrali di età e tendono ad annullarsi per i lavoratori più anziani. Il differenziale è minore nelle occupazioni manuali e meno qualificate». Secondo dati dell’Eurostat relativi alle imprese dell’industria e dei servizi privati nel 2001-02, ha spiegato Draghi, «la retribuzione media oraria era, a parità di potere d’acquisto, di 11 euro in Italia, tra il 30 e il 40 per cento inferiore ai valori di Francia, Germania e Regno Unito». «L’Italia mostra, come la Francia, un profilo ascendente per età, mentre in Germania e Regno Unito il profilo è a U rovesciata: le retribuzioni raggiungono un apice in corrispondenza delle età più produttive, calano negli anni successivi».

    RIFORME – Secondo il governatore di Bankitalia, esiste una «concorde diagnosi dei mali italiani» che porta «in primo piano l’esigenza di misure volte a riformare le regole dell’economia e della spesa pubblica. Saranno quelle stesse misure strutturali, mirate ad aumentare l’efficienza e la competitività della produzione interna, a sostenere i redditi e i consumi delle famiglie, assicurando la crescita dell’economia».

     
     

    «Il ventaglio dell’azione pubblica è ampio», si legge nelle lezione di Draghi all’università di Torino che si sofferma su tre settori.
    Il primo fa riferimento alla riforma «coraggiosa» del sistema d’istruzione, e in particolare dell’istruzione superiore, che «deve sollecitare i giovani in procinto di affacciarsi sul mercato del lavoro a investire seriamente in capitale umano».
    Per quanto riguarda il mercato del lavoro, inoltre, vanno individuati, secondo Draghi, gli strumenti per «ripartire più equamente i costi derivanti dalla maggiore flessibilità. Vi sono modi, sperimentati anche in altri paesi, per contemperare le esigenze di imprese competitive con le aspirazioni dei lavoratori che entrano nel mercato, con i bisogni di stabilità e crescita professionale di coloro che già vi sono».
    Infine «un innalzamento dell’età effettiva di pensionamento può ricostruire l’equilibrio fra attesa di vita, attività lavorativa e modelli di consumo».

    REDDITO – «La spesa pro capite per consumi è oggi più che raddoppiata rispetto al 1970», dice ancora Draghi, sottolineando come «nell’ultimo quindicennio in Francia e, soprattutto, nel Regno Unito il reddito pro capite sia cresciuto a ritmi sostenuti, favorendo una rapida espansione dei consumi. In Germania, che ha condiviso con noi una fase di quasi stagnazione della crescita economica fino a due anni fa, la dinamica della spesa è risultata inferiore a quella del reddito, che ha beneficiato degli intensi processi di ristrutturazione, dei miglioramenti della produttività e della rafforzata capacità esportatrice del sistema produttivo tedesco. Viene confermata la fondamentale diversità dei casi italiano e tedesco: il nostro sistema ha sofferto di una crisi di competitività internazionale, quello tedesco di una crisi di fiducia dei consumatori». «Secondo stime che saranno diffuse entro l’anno dalla Banca d’Italia – annuncia il numero uno di Bankitalia – la ricchezza delle famiglie italiane, non considerando quella pensionistica pubblica, in accordo con le norme statistiche internazionali, ha mostrato un deciso incremento dalla metà degli anni novanta: pur tenendo conto delle difformità nazionali nella valutazione delle attività reali, alla fine del 2004 essa era pari a circa otto volte il reddito disponibile, un valore in linea con quello del Regno Unito e nettamente più elevato di quelli di Giappone, Francia, Germania e Stati Uniti. Nel nostro paese le attività finanziarie rappresentano poco meno della metà della ricchezza totale netta, una quota superiore a quella francese, pressochè pari a quelle della Germania e del Regno Unito e molto al di sotto di quelle degli Stati Uniti e Giappone. L’indebitamento delle famiglie italiane, pur in significativo aumento, rimane molto inferiore nel confronto con gli altri paesi».

    26 ottobre 2007

    Fonte: corriere.it