E mo pure i vermi!

    371

    VermiAnche loro, secondo i grandi scienziati del ventunesimo secolo, sarebbero omosessuali dalla nascita. Dopo i poveri neonati, che con un bel po’ di malizia qualcuno (dopo quel genio di Freud che vedeva in ogni cosa un gesto sessualmente orientato) ha voluto vedere gia’ con una sessualita’ maliziosa e perversa….E cosi’ anche i vermi sarebbero…finocchi…
    Cosa non si fa per giustificare le inversioni di natura…

    ROMA – Mentre imperversano commenti e polemiche sulla campagna pubblicitaria del ‘neonato omosex’ lanciata per dire che l”omosessualità non è una scelta ma un dato immutabile da rispettaré, ecco giungere da uno studio su vermi una ‘conferma’: loro, i vermetti, ce l’hanno ‘scritto’ nel cervello il proprio orientamento sessuale e accendendovi un gene i vermi diventano ‘gay’, corteggiando vermi dello stesso sesso.

    La dimostrazione è dell’equipe di Erik Jorgensen, direttore scientifico del Brain Institute presso l’Università di Utah in un lavoro pubblicato sulla rivista Current Biology. “L’attrazione omosessuale è scritta nel sistema nervoso – sostengono gli autori. Il motivo per cui femmine e maschi si comportano in modo diverso – spiega Jorgensen – è che una parte comune del loro cervello si orienta per un certo sesso”. “Non possiamo sapere se quanto visto nei vermi significhi qualcosa per noi umani – continua Jorgensen – ma è possibile che le preferenze sessuali (omosex o etero) siano ‘scritte’ nel cervello”, in sostanza nel mondo in cui i neuroni si connettono tra loro. “Se l’orientamento sessuale dei vermi è così deciso e genetiamente determinato – rileva l’esperto – la stessa cosa potrebbe valere per noi uomini”. Il nematode C. elegans si divide in ermafroditi e maschi. Gli ermafroditi possono essere considerati le femmine della specie, infatti quando non si fecondano da soli sono corteggiati dai maschi.

    L’equipe Usa ha acceso il gene ‘fem-3’ unicamente nelle cellule del cervello delle femmine. Fem-3 acceso in tutto il corpo fa sì che il verme elegante diventi maschio, formando gli organi maschili come la coda che serve per fecondare. Ma cosa è successo quando solo nel cervello delle femmine è stato acceso fem-3? Le femmine sono rimaste tali nel corpo (non è cresciuta loro la coda) ma hanno cominciato a comportarsi da maschi, sono insomma divenute ‘lesbiche’, attratte da altre femmine. Inoltre Jorgensen ha dimostrato che l’attrazione sessuale per l’altro sesso nel verme dipende da una parte del cervello comune a entrambi i sessi. L’orientamento sessuale dipenderà quindi dalla ‘scelta’ di questa parte del sistema nervoso. “Si dibatte se il cervello sia influenzato dagli ormoni rilasciati dalle gonadi – conclude Jorgensen – o se l’orientamento sessuale derivi unicamente dal cervello. In questo caso è chiaro che il cervello ha un sesso, un suo proprio orientamento sessuale” che può essere cambiato essenzialmente accendendo un gene nel cervello.

    Fonte: ansa.it