Morto un tifoso della Lazio. “Un tragico errore”

    304

    Gabriele SandriE’ così che il questore ha definito l’assurda uccisione di un tifoso della Lazio (Gabriele Sandri, nella foto). Pare che ci fossero degli scontri tra gruppi “esigui” di tifosi di Lazio e Juve, quando un agente ha aperto il fuoco uccidendo il giovane, che era seduto dentro una macchina. Un tragico errore. Questa l’assurda spiegazione…Ora qualche scusa, magari un pianto in tivvù ed il poliziotto sarà probabilmente assolto. Da tribunale e mass media, chè la parte dei cattivi non è mai la loro. E si dirà che la colpa è dello stato di tensione creato dai tifosi, e che il poliziotto ne è solo una vittima. Vedremo…

    AREZZO – Un giovane di 26 anni, Gabriele Sandri, è morto dopo uno scontro tra tifosi in un’area di servizio lungo l’A1, nel territorio di Arezzo, colpito da un colpo d’arma da fuoco esploso da un agente della Polizia stradale. La vittima è un tifoso laziale anche se non è ancora chiara la dinamica di quanto accaduto e le responsabilità sulla sua morte. Secondo quanto è emerso, il giovane tifoso è stato raggiunto da un colpo di pistola nell’area di servizio di Badia al Pino, dove si sono scontrati ultras della Lazio, diretti a Milano, e bianconeri in viaggio verso Parma.

     

    LA VITTIMA E’ UN NOTO DJ – Gabriele Sandri era un noto dj della capitale e animatore, tra gli altri, del locale “Jackie ‘O” e pare fosse anche amico di alcuni giocatori biancocelesti. Si stava recando a Milano insieme a tre amici per assistere alla partita della Lazio con l’Inter. Il giovane, oltre a fare il dj, aveva un negozio di abbigliamento a Roma. Lo hanno riferito alcuni tifosi laziali che non facevano parte del gruppo che era con la vittima e che sono arrivati ad Arezzo dopo aver appreso la notizia della morte di Sandri. Gli stessi supporter hanno riferito che Sandri era un abbonato alla Lazio e che seguiva la squadra in tutte le trasferte.

     

    INTERROGATO L’AGENTE CHE HA SPARATO – Stando ai primi accertamenti svolti dagli investigatori alla stazione di servizio di Badia al Pino, risulta che a sparare sia stato un agente della Polstrada, intervenuta per sedare la rissa tra i tifosi biancocelesti e juventini. Si è poi svolto in procura ad Arezzo l’interrogatorio dell’agente della Polizia stradale che ha sparato al tifoso. Secondo quanto si è appreso, l’agente avrebbe una trentina di anni e diversi anni di esperienza in polizia. Da una prima ricostruzione sembrerebbe che l’agente era in auto con un collega nella corsia opposta a quella dove si trova l’autogrill. Accortisi della rissa, i poliziotti avrebbero fermato la macchina e attraversato l’autostrada. L’agente, sempre secondo quanto è stato possibile apprendere, avrebbe sparato due colpi, da una lunga distanza, uno dei quali avrebbe colpito il tifoso della Lazio.

     

    URLA DEI TIFOSI: «ASSASSINI» – «Assassini, assassini»: questo il grido che si è levato da un gruppo di circa quindici tifosi della Lazio davanti alla caserma della polstrada di Arezzo, dove si trovano gli investigatori che indagano sulla morte di Gabriele Sandri, e dove c’è anche il fratello della vittima. Il grido è partito quando davanti all’ingresso della caserma è arrivata una camionetta della polizia seguita da un carro attrezzi. I tifosi laziali, che non fanno parte del gruppo che si trovava con Sandri quando il giovane è stato colpito nell’area di servizio di Badia al Pino, sono arrivati ad Arezzo da Roma dopo aver saputo della morte del giovane.

     

    IL QUESTORE: «E’ STATO UN TRAGICO ERRORE» – «E’ stato un tragico errore». Lo ha detto il questore di Arezzo Vincenzo Giacobbe in riferimento alla morte del giovane avvenuta nell’area di servizio di Badia al Pino: «Il nostro agente era intervenuto per evitare che i tafferugli tra due esigui gruppi di persone, che non erano stati individuati come tifosi, degenerassero con gravi conseguenze per entrambi. Esprimo profondo dolore e sincere condoglianze alla famiglia della vittima».

     

    L’AVVOCATO: «COLPITO AL COLLO MENTRE ERA IN AUTO» – Gabriele Sandri sarebbe stato colpito nella parte posteriore del collo, mentre si trovava in auto. È quanto ha riferito l’avvocato Luigi Conti, arrivato alla caserma della polizia stradale di Arezzo, e che si è qualificato come un amico della famiglia della vittima. Sempre secondo quanto spiegato, il proiettile sarebbe entrato nella vettura, una Megane, infrangendo il lunotto posteriore sinistro. L’auto, dopo l’accaduto è stata portata alla caserma della polizia stradale di Arezzo, con all’interno la salma. Il corpo di Sandri è stato poi rimosso intorno alle 13.30.

     

    RINVIATA INTER-LAZIO, PER LE ALTRE 15 MINUTI DI RITARDO – Mentre si sono registrati scontri tra tifosi e forze dell’ordine a Bergamo, dopo la morte del tifoso laziale, è stato decisio il rinvio a a data da destinarsi della partita Inter-lazio. La decisione è stata presa dopo una serie di colloqui tra attraverso il presidente della Lega calcio, Antonio Matarrese, con il capo della polizia, Paolo Manganelli, e con i presidenti di Inter e Lazio, Massimo Moratti e Claudio Lotito. Il presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete e quello della Lega, Antonio Matarrese, preso la decisione in accordo con il ministro dell’Interno, Giuliano Amato. Preoccupazione è stata espressa anche dal Presidente del Consiglio Romano Prodi. Le altre partite cominceranno con 10 minuti di ritardo e il lutto al braccio diei giocatori.

     

    FERMATA UNA MERCEDES – In merito alle indagini, poi la polizia di Parma ha fermato una Mercedes i cui occupanti potrebbero essere stati coinvolti negli scontri. Le forze dell’ordine mantengono il massimo riserbo. Oggi allo stadio di Parma è attesa la Juventus: la polizia sospetta che gli occupanti della Mercedes possano essere stati i protagonisti degli scontri avvenuti nell’area di servizio di Badia al Pino.