Il contentino

    307

    VeltroniI cittadini sono stufi di un sindaco che non si cura di loro ma tagli nastri alle inaugurazioni e striscia su tappeti rossi. Sono stufi degli abusi di potere, di ogni tipo. E allora Water Veltroni, dopo la polemica sulle multe…per far vedere che “lui-ci-tiene-tanto-al-rispetto-dei-cittadini-blablabla” pesca uno dei vigili urbani e lo silura. E non ne pesca uno a caso, bensì il capo dei Vigili di Roma. Tanto per far arrivare la notizia sui giornali quotidiani che si inginocchiano elogiando il sempre perbenista Water.

    Emergono particolari sulla rimozione di Giovanni Catanzaro da comandante generale dei vigili di Roma da parte del sindaco Weltroni. Il permesso per disabili utilizzato da Catanzaro per parcheggiare in una zona a traffico limitato oltre a non essere valido (era intestato a un’anziana che ne aveva denunciato lo smarrimento), non corrispondeva alla targa dell’auto incriminata, che risulta di proprietà di una società e data a Catanzaro in comodato.

    A rivelare questi dettagli sul caso, è il quotidiano della Capitale “Il Messaggero”, che riporta la reazione del comandante della polizia municipale alla notizia della radicale decisione di Weltroni. “E’ stata una leggerezza non accorgermi di quel permesso da disabile sul cruscotto. ma comunque dopo le 20 il divieto di sosta in quella strada non vale più”, ha dichiarato Catanzaro annunciando che farà ricorso. L’episodio è accaduto venerdì sera in via della Croce, una traversa di piazza di Spagna: in questa zona di Roma a traffico limitato (la Ztl), come sottolinea “Il Messaggero”, “quando l’accesso è libero, si può comunque solo posteggiare sulle strisce blu. E l’accesso non era nemmeno libero perché il venerdì e sabato, dalle 21, scatta anche la Ztl notturna”.

    Insomma, difficile immaginare quali elementi potrà portare Catanzaro per giustificare un comportamento che ha fatto scattare la “tolleranza zero” da parte del primo cittadino della Capitale. Oltre ad aver parcheggiato in divieto, l’ex capo dei vigili romani avrebbe utilizzato un pass scaduto da tempo, perché intestato a una 86enne che ne aveva denununciato lo smarrimento e se n’era fatto rilasciare un altro. Il contrassegno, evidentemente, non corrispondeva all’auto di Catanzaro che fra l’altro non è neppure intestata allo stesso Catanzaro, ma a una società.

    Intanto l’attuale vice comandante del Corpo, più anziano in carica, Angelo Giuliani è diventato il reggente della polizia municipale a Roma dopo la notifica dell’ordinanza con la quale è stato revocato l’incarico all’ex-comandante. Giuliani è entrato nel corpo della polizia municipale nel 1987 ed è vice comandante da circa un anno.

    FONTE: http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo389614.shtml