E’ morto Haider

321

Cordoglio in Austria per la scomparsa, alle due della notte scorsa, del leader della destra radicale austriaca.

VIENNA (11 ottobre) – Joerg Haider, leader del partito di estrema destra austriaco Bzoe, Alleanza per il Futuro dell’Austria, è morto questa mattina in un incidente automobilistico vicino Klagenfurt, in Carinzia, lo stato di cui il 58enne Haider era governatore. L’incidente è avvenuto intorno alle due di questa mattina: Haider era alla guida della sua automobile che per motivi ancora da chiarire ha sterzato e si è capovolta. Haider, che era solo in auto, ha riportato gravi ferite alla testa e al torace ed è morto poco dopo l’incidente.

Stando a quanto riferito dalla polizia della Carinzia, il politico austriaco stava rientrando a casa dopo aver preso parte ad una manifestazione a Feistritz, 30 chilometri circa da Klagenfurt. «Per noi è come se si trattasse della fine del mondo», ha commentato il portavoce e numero due del partito, Stefan Petzner. Alle elezioni parlamentari celebrate in Austria il 28 settembre scorso, il Bzoe (Buendnis Zukunft Oesterreich) aveva ottenuto quasi l’11 per cento dei voti, un risultato che rappresentava circa il doppio dei consensi raccolti alle precedenti elezioni, nel 2006.

Haider aveva fondato il Bzoe nell’aprile 2005 con altri ex esponenti del movimento di estrema destra Partito della Libertà Austriaco (FPOE), di cui lo stesso Haider era stato leader. Più di una volta il politico austriaco aveva fatto scalpore per le sue dichiarazioni provocatorie, quale quella con cui nel 2001 elogiò la «politica dell’occupazione» del regime nazista definendola «adeguata».

Fra i primi a reagire, il presidente Heinz Fischer e il cancelliere Alfred Gusenbauer, oltre a politici di tutti gli schieramenti. Fischer ha parlato di grande «tragedia umana» e ha espresso la sua partecipazione al dolore della famiglia. Gusenbauer ha reso onore al suo attivo ruolo nella politica interna austriaca e manifestato ai familiari «la sua profonda partecipazione in questo momento». Cordoglio anche da tutti gli altri politici, incluso l’ex amico-nemico Heinz-Christian Strache, leader oggi della Fpoe, il partito portato da Haider a livelli senza precedenti di consenso popolare e da cui fuoriuscì nel 2005 (proprio per dissensi con Strache) per fondare la Bzoe (Lega per il futuro dell’Austria). Sia Fpoe che Bzoe hanno ottenuto una forte affermazione alle recenti elezioni politiche del 28 settembre arrivando, assieme, a quasi il 30% dei voti.

Fonte: Il Messaggero