Europa svegliati!

102

Non crediamo ci sia da stupirsi se la disoccupazione nel nostro continente sia ai minimi storici: con l’opera dissolutrice delle multinazionali, supportate o quantomeno lasciate libere di agire in libertà da governi nazionali senza il minimo polso e interesse l’Europa rischia di trasformarsi in un cumulo di macerie in declino. Tutto questo è triste se pensiamo che per millenni è stata punto nevralgico di stimoli e di riferimento per il mondo intero…

Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di  questa immagine.

Bruxelles, 31 mar. – (Adnkronos/Aki) – Il tasso di disoccupazione dell’eurozona a febbraio è salito di nuovo al 10% dal 9,9% di gennaio, raggiungendo il massimo storico dall’agosto 1998. E’ il dato destagionalizzato diffuso da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione Europea. Nel febbraio 2009 il dato era pari all’8,8%. Anche per l’Ue a 27 stati membri la disoccupazione a febbraio è salita raggiungendo il 9,6% dal 9,5% di gennaio, raggiungendo il nuovo massimo storico dall’inizio della serie statistica nel gennaio 2000. Era all’8,3% nel febbraio 2009.

Per l’Italia, invece, la quota di disoccupazione è rimasta stabile all’8,5%, mentre era al 7,3% nel febbraio 2009. Eurostat stima i disoccupati nell’Ue in febbraio a 23,01 milioni, di cui 15,74 nell’eurozona. L’incremento rispetto a gennaio è stato di 131.000 unità, di cui 61.000 nell’eurozona. Rispetto al febbraio del 2009 l’aumento è stato di 3,13 milioni nell’Ue di cui 1,84 milioni nell’eurozona.

Cresce anche l’inflazione dell’eurozona, che a marzo ha raggiunto l’1,5% dallo 0,9% di febbraio. E’ la prima stima flash pubblicata da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea. Per il dato definitivo si dovrà attendere il 16 aprile.

L’inflazione è salita anche in Italia dove però a marzo, su base tendenziale, è all’1,4%. E’ quanto rileva l’Istat nella sua stima provvisoria. Sulla base dei dati pervenuti, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), relativo al mese di marzo 2010, presenta una variazione di +0,3% rispetto a febbraio e +1,4%rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Il dato della disoccupazione, stabile in Italia all’8,5% a febbraio, è stato diffuso anche dall’Istat. ”Sulla base delle informazioni finora disponibili, il numero di occupati a febbraio 2010 è pari a 22 milioni 806 mila unità (dati destagionalizzati), in calo dello 0,1% rispetto a gennaio e inferiore dell’1,7% (-395 mila unità) rispetto a febbraio 2009. Il tasso di occupazione è pari al 56,8% (inferiore, rispetto a gennaio, di 0,1 punti percentuali e, rispetto a febbraio dell’anno precedente, di 1,3 punti percentuali)”.

http://www.adnkronos.com/IGN/News/Economia/Disoccupazione-record-in-Europa-e-al-10-Inflazione-in-salita-a-marzo-e-all14_192486259.html