La piccola madrina

362

a cura del Cuib Femminile

Alla fine è crollata, la stella del Carnevale di Rio, la madrina della cerimonia di apertura non ce l’ha fatta è scoppiata a piangere tra le braccia di mamma e papà. Infatti la madrina del Carnevale di Rio 2010 doveva essere una bambina di 7 anni. Dove stiamo andando? Dove ci sta portando questa società dell’apparenza? Perchè una bambina deve diventare col proprio corpo acerbo e innnocente il simbolo del Carnevale più libidoso e edonista del mondo? La risposta è semplice,  coloro le quali dovrebbero farsi custodi del cosiddetto “fronte interno”, ovvero le madri, sono state talmente deviate dal virus del protagonismo a tal punto da svilire la loro funzione genitoriale e non rendersi conto dei danni che provocano, oltre che a loro stesse, a coloro che dicono di amare più della loro stessa vita.

A sette anni era stata scelta tra le polemiche per guidare il Viradouro Samba Group

La piccola regina del Carnevale scoppia a piangere e lascia le danze

Julia Lira, dopo 10 minuti di fronte alla folla e alle telecamere, è corsa in braccio al padre

RIO DE JANEIRO – La regina del Samba ha deposto la corona. Troppo pesante. Julia Lira, sette anni, nominata tra le polemiche alla guida del Viradouro Samba Group, di cui il padre è presidente, ha retto dieci minuti di fronte alle migliaia di spettatori, ai flash dei fotografi e alle telecamere assiepate a Rio de Janeiro per il Carnevale.

IN LACRIME DOPO 10 MINUTI – Poi, dopo questo inizio da star, per cui era stata scelta viste le sue doti di miniballerina di samba, è tornata a essere bambina con i suoi sette anni: è scoppiata a piangere ed è corsa in braccio al padre che seguiva il corteo. Dopo un po’ di pausa e di abbracci tranquillizzanti nuova prova per guidare il ballo, ma anche questo secondo tentativo non è andato a buon fine: Julia dopo qualche passo di samba ha abbandonato definitivamente il carnevale di Rio. Prima della parata Marco Lira, il padre della bambina, aveva assicurato che la bambina «era felice di ballare e di partecipare al Carnevale». Dopo 10 minuti lei ha cambiato idea.

Fonte: Corriere.it