Capodanno di sangue

279

Capodanno di sangue ad Alessandria d’Egitto, dove un attentato con esplosivo davanti ad una chiesa copta ortodossa alla fine della messa di mezzanotte ha fatto 21 morti e 8 feriti.
Mentre in Egitto si consumava un vile attentato contro una comunità di cristiani ortodossi copti, in Europa ed in America, nell’Occidente in generale si festeggiava il nuovo anno: botti, cenoni, lamenti verbali sulla crisi, che bello!…e Gesù? e Maria? in una grotta nascosta per non infastidire il vicino ateo, in qualche chiesa dove ci si ripromette di essere più buoni, al massimo in qualche portafoglio come portafortuna.
Pance grasse, bicchieri pieni, feste nelle strade, veglioni notturni, prostituzione gratuita di ragazzine che già a 15 anni fanno scuola e doposcuola a Jessica Rizzo e maschietti che non vedono l’ora di inalare un pò di zucchero filato bianco per sentirsi più uomini… questa l’Europa, questa l’Italia.
Dinanzi a tale degrado umano, culturale e politico troviamo un governo capeggiato da un puttaniere di professione ed oltraggiato da 4 afflitti che al massimo sono come lui. E sui giornali si parla del Papa, di quel vescovo che ha presieduto tale iniziativa, di quell’altro che ci ha raccontato la storia della sua vita, di quello che da la comunione al divorziato ed al trans perché lui si che ha capito il messaggio evangelico, si rimprovera il Papa che ha elargito una concessione al vescovo Williamson che mentre era ancora anglicano ha detto delle cose offendono la religione ebraica, i tradizionalisti che dicono la messa in latino e la gente poverina non ci capisce niente, e grazie a Dio così non possono fastidiosamente ripetere a cantilena le parole che dice il sacerdote e che dovrebbero solo ascoltare!… mentre l’occidente è in balia del consumismo, del lardo, della sozzura ideologica che investe tutti, mentre nella “Sapienza” un vero sapiente come il Papa non può parlare per non offendere 4 professorini di Fisica, che hanno fatto studi sulla natura dello sterco, mentre i cattolici invece di testimoniare Gesù criticano il Papa, la dottrina, il magistero, la messa e quant’altro, mentre tutto questo avviene, parte del clero, buttato all’ingrasso, è preoccupato di soddisfare le proprie depravazioni a volte purtroppo anche su povere creature innocenti, e di togliersi il colletto bianco per essere più alla moda e vicino alla gente, iscrivendosi qua e la in qualche chat tipo facebook, mentre tutto questo avviene in Occidente in Egitto, in Iraq (strano quando c’era Saddam di queste cose non se ne sentivano, beata democrazia!) in India, in Algeria, in Cina, i Cristiani sono trattati come carne da macello, morti che camminano, soggetti al rischio solo per riunirsi con le proprie comunità.
Mentre dalle nostre parti si prendeva la giacca nuova per fare colpo sulla ragazzina del gruppo, in egitto 21 famiglie si vestivano di nero per celebrare i funerali dei propri cari… e che volete Cristo si è fermato ad Eboli si e poi si è trasferito a Nuova Dheli… L’occidente ha perso la sua anima, l’ha svenduta per 4 soldi, ha rigettato la sua storia e Gesù lo ha abbandonato.. Perché i cattolici invece di sparlare di modernismo della chiesa e di profilattici non si pongono la domanda sulla loro fede? Perché da noi anche i cattolici vivono come atei e materialisti di fatto? Perché abbiamo paura di esprimere una identità, di dire io sono così, questo è il mio Dio in croce che è morto anche per te e se ti offendi perché lo mostro allora sei un ingrato! perché in ITALIA si levano i crocefissi dalle scuole e i cattolici non scendono in piazza con rabbia a rivendicare quel simbolo di protezione, prima di tutto, e di esempio per i propri figli? Vabbé ma queste sono le solite chiacchiere di quei fomentati dei cattolici tradizionalisti, o degli esagerati.
Beh se essere moderati vuol dire essere vili, meglio essere folle che moderato… E quando anche da noi esploderanno le bombe nelle chiese? Che accadrà? semplice, si svuoteranno perché i pavidi, i democristiani, i cattolici liberali di destra e di sinistra, capiranno che non si possono servire due padroni e con la coda tra le gambe scapperanno da mammona…. I cristiani non devono imporre la loro fede, la devono TESTIMONIARE ogni giorno ricordando che Gesù è con i sofferenti e non con gli ingordi, i ricchi, i vili… Parliamo di una forza che va ben oltre quella fisica ed è di natura interiore, una forza che viene dalla fede e che come quella del suo maestro non ha bisogno delle mani per affermarsi, quella forza che agisce proprio quando subisce. Mentre dalle nostre parti i ragazzi si tatuano il nome della fidanzatina sul braccio o tale disegno, i copti si MARCHIANO i polsi con le croci, quelli si veri tatuaggi sinonimi di appartenenza e fede, come gli antichi guerrieri che incidevano simboli sacri sul proprio corpo, e lo fanno perché non si vergognino mai di essere cristiani perché lo vogliono dire a tutti, cosa sono e ne vanno fieri.
Fierezza di essere cristiani… I sacerdoti imparino da tutto questo e si preparino a guidare i cristiani quando Gog e Magog decideranno di radere al suolo la città Santa.

Fonte: http://tradizionalmente.it/dal-mondo/11-la-strage