Margherita Hack? “Molto ‘satanica’ direi”

76

L’ironica immagine di qualche giorno fa, evidentemente, così ironica poi non doveva essere. Nella recente intervista al capo dei bambini di Satana, infatti, non mancano gli elogi a Margherita Hack giustamente definita “Molto satanica“. E il parere autorevolissimo di un “esperto” in materia non può che confortarci…la mancata presa di distanza da parte della Hack, pure.

Roma, 13 feb. (Ign) – Nemici? “Il Vaticano con il suo oscurantismo volto a sottomettere i giovani, il Dio denaro delle banche”. Modelli? “Satana come esempio di opposizione. E anche Margherita Hack, a modo suo molto ‘satanica’”.

A parlare del satanismo razionale (“quello che non c’entra nulla con i ciarlatani”) è Marco Dimitri, leader, anche se la definizione non gli piace, dei bambini di Satana.

Un gruppo che conta in Italia circa 2500 adepti e che il 49enne Dimitri guida nell’obiettivo di dare voce al Satana che è in ognuno di noi: cioé l’uomo che non vuole rinunciare alla libertà: “Non certo attraverso riti esoterici, o chissà quali altri mezzi. Semplicemente attraverso lo studio e la ricerca, diffondendo la verità del Satanismo”.

Appunto, il Satanismo. Perché vi definite seguaci di Satana?

“Per dare un messaggio forte, perché Satana è l’uomo stesso che vuole opporsi a chi lo vuole rendere schiavo. E Satana significa proprio ‘oppositore’, colui che non si è piegato, dicendo no alla sottomissione. La nostra è una missione di verità contro l’oscurantismo. E sceglier Satana conferisce forza al nostro messaggio, dà un significato chiaro. Opposizione assoluta a farsi schiavizzare. Siamo contro l’oscurantismo della Chiesa. Loro credono negli spiriti e li usano per impartire riti, come per esempio nell’esorcismo. Di fronte a persone malate mentalmente, che dovrebbero essere ‘solo’ curate, usano parole come ‘indemoniati’, ‘vittime del male’, mentre noi sappiamo che il Demonio non si è mai impossessato di nessuno. Noi siamo razionalisti, non ammettiamo l’esitenza di nessuno spirito, né Dio, né altro. L’esorcismo e la sua pratica, come del resto la storia degli indemoniati, non hanno affatto realtà neanche nelle scritture. Nella bibbia non esistono indemoniati, non esiste la cacciata del maligno da dentro l’uomo”

Sul vostro sito internet però non mancano riferimenti a riti e simboli satanici

“Sono solo evocativi, e poi si riferiscono tutti alla persona. Come per esempio la stella con l’uomo disegnato dentro. E’ Leonardo, Vitruvio”.

Tra le accuse giudiziarie rivolte a te e al tuo gruppo quella di orge e violenza sessuale. Ma al di là della brutta vicenda del ’96 che si chiuse con l’assoluzione in tribunale, che cosa è il sesso per te e per i bambini di Satana? Fa parte dei vostri riti? E se sì, in che modo e perché?

La procura, una parte di essa, utilizzò una ragazza con dei problemi d’equilibrio (emersi in sede di indagine) per muovere accuse contro di noi. In realtà eravamo già vittime di atti intimidatori, tentativi di inchieste andati poi falliti, dietro queste “inchieste” c’erano persone tristemente note, legate a lobby cattoliche e gesuite come Giuseppe Ferrari, presidente del GRIS (Gruppo Ricerche ed Informazioni sulle Sette gestito dalla curia), il prof. Michele del Re, cattolico ed autore di diversi libri forcaioli contro fantomatici satanisti (ovviamente crimini senza date, nomi, tempi e luoghi). Le accuse si chiusero con l’assoluzione ‘perché il fatto non sussiste’, ovvero abbiamo prodotto le prove che i fatti contestati non erano mai accaduti. Fra le dichiarazioni della ragazza accusatrice ‘Dimitri ha baciato una mia amica e da allora lei è diventata una licantropa’.

Ma il sesso?

La posizione che abbiamo in merito al sesso è che siamo contrari alla discriminazione sessuale ed all’omofobia, pensiamo che il sesso sia un potenziale umano e sia alla base del progredire, la stessa carica sessuale è alla base della ricerca scientifica, dell’arte, dell’identità personale e del modo di rapportarsi ed esprimersi nel contesto sociale. Degli studi sul tantrismo ne abbiamo fatti, l’energia sessuale viene “invertita” e scaricata tramite la mente, ne consegue il rafforzamento della volontà e della carica che muove la volontà verso un fine voluto.

Quando vi siete riuniti per l’ultima volta?

“Il mese scorso a Bologna, per parlare e trovare il modo di far conoscere l’arte e la scienza che noi propugniamo. Abbiamo capito che anche la comunicazione è importante, che questa è la società dell’informazione”

Un convegno?

“Non proprio, un incontro per fare il punto. Nel nostro cammino verso la libertà”

Un modello di riferimento?

“Margherita Hack (la cui intervista è in prima pagina nel sito dei bambini di Satana, ndr), che ho conosciuto durante il suo 86esimo compleanno a Bologna. Con lei abbiamo parlato un po’ dell’impossibilità per i ricercatori di svolgere attività in Italia in quanto nessuna sovvenzione veniva data loro per proseguire le ricerche, della fuga di cervelli all’estero. E ovviamente abbiamo parlato di inquisizione, che dai tempi di Bruno non è mai finita, e di abusi giudiziari. Avendola conosciuta posso dire che lei è veramente una persona accesa. Molto ‘satanica’ direi”

Fonte: AdnKronos