José Antonio Primo de Rivera [In memoriam]

306

«E’ sconsolantemente bello che la Falange abbia molti più cuori che cervelli»

[…]

«Il nostro posto è all’aria aperta, sotto la notte limpida, arma al braccio e nel cielo le stelle»

[…]

«Questo è il limite della vostra neutralità: il sussistere dei valori perenni, essenziali, di quello che possa sopravvivere alla differente sorte dei partiti. Quando il valore di perennità è in pericolo, non avete più il diritto di rimanere neutrali. Allora suona l’ora in cui le vostre armi devono entrare in gioco per porre in salvo i valori fondamentali, senza i quali la disciplina è un simulacro inutile. È stato sempre così: l’ultima partita è sempre quella delle armi. All’ultimo momento — lo ha detto Spengler — è sempre stato un gruppo di soldati a salvare la civiltà»

[…]

«Ma voi — temprati nella religione del dovere e del sacrificio — e noi — che abbiamo volontariamente imposto alla nostra vita un comportamento ascetico e militare — indicheremo a tutti il modo di sopportare i sacrifici con allegria. Con l’allegria di chi sa che, con il sacrificio di alcune rinunce materiali, può salvare il coacervo di principi eterni che hanno condotto la Spagna a compiere la sua missione e ad imporsi su mezzo mondo»

[…]

«Se agirete così, come dice l’antica formula del giuramento, che Dio vi premi; e sennò, che Dio vi giudichi»