I doni del sole… in pratica

260

Intervalliamo il nostro viaggio alla scoperta del simbolismo legato ai “nostri” doni del sole, suggerendo alle amanti delle tradizioni, anche dal punto di vista culinario, due semplici ricette per conservare fino alla stagione fredda i frutti di questi preziosi alberi…

La marmellata di ciliegie

Ingredienti:
3 Kg di ciliegie
1.5 kg di zucchero
1 bicchierino di cherry
1 pezzo di cannella

Preparazione:
Togliete il picciolo alle ciliege, lavatele e poi snocciolatele. Mettetele in una capiente pentola d’acciaio inossidabile e aggiungete lo zucchero e, se volete, un pezzo di cannella. Fate cuocere per circa un ora e mezza eliminando la schiuma man mano che si forma. Quando avrà raggiunto la giusta consistenza unite lo cherry ( anche questo non indispensabile ) mescolate e spegnete. Invasatela ancora calda fino ad 1 cm dal bordo del vaso, e  mettete il coperchio ermetico. A questo punto capovolgete il vasetto per 5 minuti in modo che la marmellata ancora bollente impregni l’interno del coperchio. Si effettua cosi una specie di auto sterilizzazione.

La marmellata di pesche

Ingredienti:
Per ogni kg. di pesche 600 gr. di zucchero

Preparazione:
Togliete la pelle alle pesche. Tagliatele a pezzi levando il nocciolo. Mettetele in una terrina con lo zucchero. Accomodateli in un recipiente, copriteli con lo zucchero mescolate e lasciatele in macerazione in luogo fresco ( non in frigorifero ) per 12 ore. Passato questo intervallo mettetele su fuoco moderato (meglio se userete una reticella spargifiamma ) in una casseruola di acciaio inossidabile. Quando, versandone un cucchiaino su un piatto, il composto scorrerà lentamente, la marmellata avràraggiunto la giusta consistenza e sarà pronta. Invasatela ancora calda fino ad 1 cm dal bordo del vaso, e  mettete il coperchio ermetico. A questo punto capovolgete il vasetto per 5 minuti in modo che la marmellata ancora bollente impregni l’interno del coperchio. Si effettua cosi una specie di autosterilizzazione.