…sono stati i nazisti dell’Illinois!

264

Ormai siamo nel bel mezzo di un film, o quasi. Prima tirano fuori dal cilindro il KKK. E scattano subito le indagini dell’Fbi. Ora si scopre che è il gesto di una mitomane. Resta ancora inesplorata una pista: quella aliena!
Sharmeka Moffit, la giovane di 20 anni ricoverata 2 in Louisiana con ustioni su oltre metà del corpo, si sarebbe data fuoco da sola, inscenando un’aggressione a sfondo razzista del Ku Klux Klan. E’ l’Fbi della Louisiana che, dopo le indagini, è giunta a questa conclusione e le ha rese note.

La ragazza, secondo la ricostruzione dei federali e della polizia locale, avrebbe prima imbrattato la sua auto con un insulto razzista e la firma del KKK. Quindi si sarebbe cosparsa il corpo di liquido infiammabile, dandosi alle fiamme. Avrebbe tentato poi di spegnere le fiamme e chiamato con il cellulare gli agenti, inventandosi di sana pianta la storia dell’aggressione ai suoi danni da parte dei tre uomini incappucciati. Proseguono comunque le indagini, anche per appurare le possibili ragioni di un simile gesto.

Ora la giovane è ricoverata in condizioni critiche nell’ospedale del Louisiana State University, a Shreveport. Soffre di ustioni di terzo grado alle braccia e di primo grado al petto e alle braccia e oggi dovrebbe essere sottoposta a un delicato intervento chirurgico.

Fonte: Repubblica