Lady Gaga: un nuovo videoclip satanista

421

Continua l’opera di sinistra e sotterranea propaganda portata avanti dalle elites della sovversione, contro ciò che rimane di Buono, Bello e Vero nel mondo moderno. L’ennesimo disgustoso video di Lady Gaga ne è un esempio. In GUY, ultimo video della marionetta americana, possiamo vedere tutto il solito catalogo di messaggi subliminali e para-subliminali,a partire dai soliti simboli satanici mascherati. Il video comincia con Lady Gaga angelo caduto, con una pelle che ricorda molto quella di Lucifero nella sua versione satanica, nella celebre immagine di San Michele Arcangelo. Intorno a lei una torma di uomini danzanti in mezzo a dollari pioventi dal cielo. Lady Gaga si riprende dalla “caduta” e comincia a vagare in un paesaggio livido e angosciante, fino a giungere ad una villa isolata,dove viene raccolta da due strani figuri vestiti di nero e incappucciati. Costoro la portano all’interno dove viene riportata alla “vita” da un nugolo di uomini e donne seminudi e depilati,che la portano in trionfo. Improvvisamente assurta al ruolo di Afrodite, dea dell’ “amore”, Lady Gaga ritorna al suo consueto luogo di dominatrice di uomini, in un balletto sincopato ed equivoco,tra i soliti “uomini” seminudi e adoranti. Si vede poi una sorta di resurrezione cristica, in cui il Cristo è equiparato a Michael Jackson, e successivamente dalla casa escono torme di uomini vestiti tutti in completo nero,che partono alla conquista del mondo con i dollari come simbolo e dio. Dal video emerge più del solito un senso di sottile inquietudine e disgusto,come se qualcosa di malsano si nascondesse sotto la superficie. A maggior ragione nella versione estesa del video, quasi 8 minuti, la musica è ipnotica, ossessiva, quasi straniante. La sensazione è di disarmonia, di caduta, di deviazione. Una mente non presente a sé, che non conosce i retroterra della “guerra occulta” immaginiamo che cosa possa subire da bombardamenti mediatici del genere. Ennesimo tassello del piano delle elites di Mordor per creare il loro “eden” capovolto e anti-solare,piano che ha preso inizio ben prima della nascita dei mass-media,ma che con questi è assurto a livelli di efficacia e di arroganza impensabili precedentemente. Di fronte a questi miserabili servi dell’oscurità, i nostri cuori rimangono però fermi, riscaldati da un fuoco interiore, da una “flamma non urens”, che annuncia micro cosmicamente il giorno in cui il Sol Invictus della Tradizione tornerà a splendere e cancellerà con la sua luce radiosa le nebbie malsane che infestano il mondo.

Gemini