Precisazioni per l’aspirante militante del Fronte della Tradizione

325

la-compagnia-dell-anello

E’ inutile girarci intorno: i tempi sono critici e da almeno un paio di decenni stiamo assistendo ad un’accelerazione degli eventi davvero stupefacente. Questo non è più il momento per rimanere nella propria cameretta a rimuginare se scendere in campo oppure attendere che il clima si distenda, mentre come un deprecabile borghesuccio soppesi i pro e i contro. Quali vantaggi e svantaggi potresti ottenere.

Vogliamo puntualizzare subito un concetto: scendendo in campo non otterrai alcun vantaggio inteso nell’accezione moderna del termine. Gli unici vantaggi saranno quelli di mettersi a disposizione come strumento della Tradizione nel pieno sviluppo del proprio essere. Il vantaggio di donarsi per la Giustizia e la Verità. Insomma, fare ciò che deve essere fatto.

Per chi ha minimamente conoscenza dei testi Sacri orientali sa che ci troviamo nell’era del Kali Yuga, nell’età delle tenebre nella quale siamo immersi da ben oltre 2000 anni e l’accelerazione degli eventi di cui parlavamo all’inizio sta a significare come questa sia prossima al termine; momento in cui fiorirà una nuova età dell’Oro. Ma, al di là di ciò che ci insegnano i saggi, non rientra nel nostro stile scambiarli per scenari messianici e men che mai profezie apocalittiche per produrre scalpore.

Sta di fatto che tutte le strutture e sovrastrutture che fino ad oggi hanno regnato a scapito di tutti i popoli del mondo scricchiolano vistosamente mentre i vecchi Paesi poveri avanzano economicamente come un rullo compressore. L’imperialismo statunitense è ormai solo una vecchia reminiscenza, la massonica Corona britannica è ridotta ad un gossip da rotocalco e la City funge solo da advisor per i Paesi emergenti accontentandosi del mero tornaconto, mentre lascia la scena internazionale agli USA come esercito al soldo dei banchieri aguzzini. La Francia mostra pruriti post-imperialisti ma internamente è allo sbando più completo, un Paese da operetta.

La Germania sembra la nuova Svizzera, neutrale, pensa solo al tasso di disoccupazione e alla produzione industriale e non potrebbe essere altrimenti considerato che dal 1945 non possiede un esercito ed è sotto occupazione militare NATO così come l’Italia ed il Giappone. Solo unico scopo dei vertici tedeschi è fungere da Cavallo di Troia affinchè l’Unione Europea sia controllata esternamente e occultamente dagli USA. Il Giappone dal canto suo moralmente, militarmente ed economicamente è uno zombie.

Delle grandi potenze rimangono “in sella” solo la Russia dove Putin, insieme alla Chiesa Nazionale Ortodossa, è impegnato in un’imponente fase di transizione dalla vecchia URSS alla Russia moderna mentre sente stringersi il cappio che gli ha teso Washington; e la Cina con il regime comunista costretto a continue aperture e sorretto solo dai buoni risultati dell’economia totalmente nelle mani del partito mentre la popolazione vive in condizioni disperate.

Guardando lo scenario da un’altra prospettiva non c’è da lasciarsi alle grida di giubilo nel veder ascendere i cosiddetti Paesi Emergenti, ex terzomondisti, perchè dietro i loro successi economici si cela la stessa oligarchia plutocratica che fino a ieri faceva affari con l’Occidente e che a tutt’oggi ne dirige le sorti. Solamente essa ha intravisto nei Paesi Emergenti margini di guadagno superiori ma anche questa sarà una fase transitoria, mentre la crisi finanziaria creata ad hoc nel 2007 è servita per depredare le ultime risorse nazionali-collettive e private dell’Occidente. Sono sopravvissuti solo gli affiliati all’èlite plutocratica.

Anche il sistema bancario è ormai ridotto allo stremo mentre i governi cercano in tutti i modi in Europa di eliminare il contante che fornisce ancora una certa forza al popolo, e negli USA di rastrellare le armi per paura di potenziali rivolte. L’improbabile rivolta dei marines congedati per disturbi mentali.

Questo preambolo necessario è per dire che in mezzo a tutto questo ci siamo noi, e anche tu, che ancora non siamo stati imbarbariti dalle lusinghe del mondo moderno. Non siamo zombie inseriti in un loop che vede la gente intorno a noi e pur’anche i nostri familiari correre dalla mattina alla sera dietro a lavoro, bollette da pagare e debiti bancari da onorare e non hanno più spazio per vivere la vita. Anche loro sono strumenti, ma della sovversione, anche se in massima parte vittime  inconsapevoli.

Noi che abbiamo il privilegio e il peso di rimanere in piedi tra le rovine non dobbiamo e non possiamo permetterci di perdere altro tempo, in onore al privilegio che ci è stato concesso. In onore verso chi ci ha preceduto trasmettendoci un cuore che ancora batte per la Giustizia e la Verità, che sa ancora dirimere tra luce e tenebra.

Ora più che mai è doveroso senonchè anche egoisticamente valido rispondere alla “chiamata alle armi”, che è una chiamata ad agire.

Il tempo della contemplazione è terminato, dobbiamo attivarci affinchè siano pronti i germi che costituiranno il Nuovo Mondo. Non si tratta di imbracciare le armi come novelli Rambo all’attacco del Sistema poichè ci schiaccerebbero immediatamente e rischieremmo di fare del male ad altri esseri umani spesso inconsapevoli di essere pedine ed esecutori del marciume che ci governa.

Dobbiamo innanzitutto ESSERE ESEMPIO, portatori di uno stile che ci fa percepire dall’esterno come uomini e donne diversi, come uomini della Tradizione, a scuola, nei luoghi di lavoro, con gli amici, negli affari ecc. E anche nel rapportarci con gli uomini del Sistema siano essi forze dell’ordine, funzionari amministrativi, funzionari di giustizia o militari. Non dobbiamo fornirgli il minimo appiglio per giustificare delitti contro la nostra persona e dobbiamo ricordare che anche loro sono un ingranaggio inconsapevole del Sistema e come esseri umani potrebbero anche loro, se opportunamente stimolati, sentire il nostro stesso richiamo.

Quindi parlare diretto con fermezza d’animo ma al contempo con gentilezza, ricordandosi soprattutto che il nostro Onore si chiama Fedeltà. Questo significa che non ci è consentito di parlare di Valori e di Tradizione e poi comportarci come l’ultimo dei miserabili. Inoltre ricordiamoci che, fino a prova contraria, non è detto che dall’altra parte abbiamo necessariamente sempre un nemico, può essere solo una persona che non sa e non si è mai fatta delle domande. Questo non significa abbassare la guardia poichè siamo sempre sotto perpetuo attacco degli agenti della sovversione e dei suoi sgherri.

Non abbassarci ad azioni violente se non per legittima difesa, poichè il loro obiettivo è proprio quello di dipingerci come dei violenti e socialmente pericolosi per scandalizzare l’opinione pubblica affinchè nessuno protesti quando con i pretesti più assurdi e falsi tenteranno di sbatterci nelle galere. E quest’ultima è una cosa da mettere in conto poichè il Sistema userà tutte le armi in suo possesso per divincolarsi come la serpe sotto il piede di San Giorgio. Esso ha il monopolio della forza quindi noi dobbiamo portarlo su un altro campo di battaglia dove siamo più competenti ed è quello dell’azione pura e impersonale.

L’ideale è che i militanti si riuniscano in piccole unità operanti anche solo di tre persone che man mano agiranno da magnete per quanti si trovano sullo stesso Fronte della Tradizione e siano volano affinchè, raggiunto un certo numero di fratelli, se ne creino altre per distacco dalle precedenti, in un sistema organico che vede una moltitudine di unità operanti indipendenti connesse tra di loro e con il Centro, organizzate secondo un ordine gerarchico ove ogni militante ha il posto che gli compete e perciò è nella condizione di contribuire nel miglior modo possibile.

Partendo da una sola città si potrebbero creare nuove unità operanti prima nelle città vicine poi nelle regioni attigue, in seguito in tutta la nazione e infine espanderle in tutto il mondo. Questo non significa trasformarsi in un Testimone di Geova ed andare a bussare a tutte le porte, anzi, come detto sopra le persone giuste saranno attratte dal tuo Stile e non ci sarà bisogno che tu parli più del necessario. D’altra parte la quantità è una caratteristica del mondo moderno, mentre a noi interessa la qualità dell’essere umano, solo così si potrà vivere in fratellanza e raggiungere l’obiettivo finale. Dissolvere le tenebre e far calare una nuova luce sul mondo e nel cuore delle persone.

Il lavoro prima che nel mondo moderno, ognuno lo deve fare prima su sè stesso smussando ed eliminando tutti i comportamenti in collissione con i valori che afferma, altrimenti è come un ubriaco che consiglia agli altri di essere astemi. L’azione così concepita crea una forza positiva irresistibile in diretta contrapposizione con le forze della magia nera praticata da questi stregoni del Sistema, la quale è destinata a vincere per l’eternità.

Mentre lo scontro armato così come gli scioperi e le proteste di piazza, oltre ad essere inefficaci non fanno altro che apportare maggior linfa al Sistema in essere, poichè in realtà sono dei modi per legittimarlo. Basta vedere come gli agenti della sovversione non hanno esitato a portare il mondo in un conflitto mondiale durato cinque anni con milioni di morti e financo l’esplosione dei primi due ordigni nucleari perchè possedendo solo la forza bruta nulla potevano sul piano “sottile” contro i Paesi del Patto d’Acciaio.

Come avrai capito la strada non è né facile né priva di rischi, soprattutto in Italia dove ci troviamo ancora sotto occupazione militare straniera e siamo considerati come belligeranti, seppur in una fase di tregua. Ma questo non ti autorizza a rimanere fuori dall’azione per preservare il proprio status materialista. Oggi, più che mai, occorre agire affinchè l’appartenenza si fondi sui fatti e non sulle belle parole prive di conseguenze.

Oggi sei chiamato ad essere militante in servizio permanente effettivo per il (o sul?) Fronte della Tradizione.