Il tango di Obama alla faccia nostra

106
Obama tango
Siamo sempre più derisi e coglionati dallo Zio Sam, ma per tutti va benissimo così. Dopo aver acquisito al proprio sporco impero una nuova colonia, Cuba, col fedele burattino di turno pronto a fare da referente (Raul Castro, mentre il vecchio Fidel, ormai innocuo, non ha più potere d’’azione), il buon Obama fa tappa in Argentina, sfrontato come sempre, e con un bel sorrisone (ma come, è già passata la commozione per gli attentati di Bruxelles?) balla il tango alla faccia nostra, dell’’Europa (per quel che ne resta) e di tutti quei morti innocenti che l’’asse del male, di cui il suo paese è protagonista e longa manus da sempre, produce direttamente o indirettamente in tutto il mondo (Siria, Yemen, Palestina, e ora Europa … Parigi, Bruxelles, ecc.).
Ed intanto i media vanno in visibilio per la grande pace tra Usa e Cuba e per la performance ballerina del presidentissimo e della consorte. Evviva l’’America, sempre di più!

(www.rainews24.it) – Barack e Michelle Obama ballerini provetti. Un tango a Buenos Aires. Al termine di una cena in suo onore, Barack Obama è stato invitato a ballare il ritmo simbolo dell’Argentina da Mora Godoy, nota danzatrice professionista  Il presidente statunitense ha subito accettato, mentre anche la first lady Michelle faceva lo stesso con un ballerino.  “Obama mi ha detto che non sapeva ballare e io gli ho quindi chiesto di seguire i miei passi: mi ha risposto ‘ok’.  Poi sono stata io a seguire lui perchè è un buon ballerino”, ha commentato Godoy al quotidiano La Nacion.  La danza si è protratta per qualche minuto, salutata poi dall’applauso del presidente argentino Mauricio Macri e dei circa 500 invitati alla cena organizzata presso il ‘Centro culturale Kirchner’ di Buenos Aires che segna un ‘nuovo inizio’ per i rapporti fra i due Paesi.