Aprile e la natura femminile

152
DIA 041“[…]In Febbraio e in Marzo l’adolescente diviene uomo, prima cives poi miles; analogamente per la fanciulla il passaggio di condizione avviene in due mesi, Aprile e Maggio.  […]
La femminilità è da sempre legata ai ritmi naturali: il potere delle Dèe si estende sul parto delle donne e degli armenti come sulla crescita del seminato. Perciò in Aprile le celebrazioni della femminilità sono strettamente connesse con quelle della fertilità non solo umana ma anche animale e vegetale. In questa ottica diviene evidente per quale ragione la nascita di Roma sia stata concepita proprio nel mese di Aprile.

Il filo conduttore per “leggere” Aprile è riscontrabile nell’idea di sessualità femminile da indirizzare nel giusto modo.

Matrone e prostitute hanno le loro feste,a volte in comune e a volte separate, ma la ragione di esse è sempre uguale: la donna si realizza nel concepimento e nel parto se matrona, nell’assolvimento del piacere sessuale se prostituta. La donna è terra che deve essere arata, lavorata, penetrata dal seme.
Il carattere squisitamente femminile e tellurico di Aprile si rileva dalla presenza in esso dei diversi aspetti possibili della Dèa: Dèe della fertilità dei campi (Tellus, Ceres, cui più tardi si aggiunsela Magna Mater Idaea) e degli armeti (Pales), protettrice degli uomini (Fortuna Virilis) e di ciò che nasce (Robigus, di cui è incerto il sesso se maschile o femminile, e di nuovo Pales), ma anche della sfrenatezza sessuale (Venus Eurcina, Flora, di nuovo Robigus, cui si sacrificava una cagna di colore rosso simbolo di licenziosità).

Su tutti gli aspetti della Dèa però domina Fortuna, cui il mese è particolarmente dedicato (Fortuna Virilis e Fortuna Publica a Roma, Fortuna Primigenia a Preneste): il suo nome racchiude il significato del mese, perchè derivante da *bher = portare, portare in grembo, produrre.” 

Note:

Nell’immagine è raffigurata la Venere Callipigia,scultura marmorea di epoca romana databile al I-II secolo e conservata nel museo archeologico nazionale di Napoli.