Romanità Fascista

729

foro-italico-roma-fascismo-mussolini

(a cura della redazione di AT)

Questa iscrizione situata al Foro Mussolini (o Foro Italico, che dir si voglia) rischia di passare quasi inosservata ai più. Nella sua candida e lapidaria semplicità riflette, appesa ad un muro, la luce solare così come lo stesso fascismo in maniera marmorea cercò di farsi faro, nell’Europa e nel Mondo, all’insegna della luce della più schietta Romanità rinnovata. Non nelle sue forme già purulente, perché soggette a divenire, come ogni forma, per inesorabile legge cosmica, ma nel suo spirito più genuino, così come questa stessa lapide testimonia con queste parole, semplici ma perentorie, di cui l’italico genio fascista si fece portatore. Parole Romane, a testimonianza che Roma, è invincibile, è viva nei cuori di chi la vive.

QUESTI LUOGHI

PER PIANTE PALUSTRI

E ACQUE STAGNANTI

LUNGAMENTE ORRIDI

PRESSO LE VIE PER LE

QUALI MOSSE IN ARMI LA GIOVENTÙ ROMANA

A INCIVILIRE L’EUROPA

BENITO MUSSOLINI

CHE LA ROMANITÀ

VUOLE EVOCATA

NON COME RICORDO

MA A INCITAMENTO

ED ESEMPIO

ORDINÒ

FOSSERO BONIFICATI

ABBELLITI SANATI

A MAGNIFICAMENTE

ACCOGLIERE QUANTO

OCCORRA A CREARE

LO SPIRITO ROMANO

NELLE

FUTURE LEGIONI

DELL’ITALIA FASCISTA

 

OTTOBRE

A. XV

Roma-foro-italico-mussolini-fascismo