Cuib Femminile | Riscoprire il Bello

113
orfeo-ed-euridice-di-jean-baptiste-camille-corot-1871-museum-of-fine-arts-houston1
(a cura del Cuib Femminile di Raido)
E’ importante ritagliarsi dei momenti, nella confusione e nel disordine quotidiano, in cui dedicarsi alla contemplazione del Bello; la natura è manifestazione di questo principio ma anche le opere dell’uomo, specie quando ispirate dall’Alto, lo sono. Il motivo lo spiega bene Platone, attraverso le parole pronunciate da Seneca all’interno del Simposio:
“La giusta maniera di procedere da sé o di essere condotti da un altro nelle cose d’amore è questa: prendendo le mosse delle cose belle di quaggiù, al fine di raggiungere il Bello, salire sempre di più, come procedendo per gradini, da un solo corpo bello a due, e da due a tutti i corpi belli, e da tutti i corpi belli alle belle attività umane, e da queste alle belle conoscenze, e dalle conoscenze procedere fino a che non si pervenga a quella conoscenza di null’altro se non del Bello stesso, e così, giungendo al termine, conoscere ciò che è il bello in sé.”
 
Ecco, quindi, una breve fuga dal caos quotidiano sulle parole di Gabriele D’Annunzio attraverso la voce di Roberto Herzlitzka.