La forza dell’esempio

357

di M.R.

antinoo-statua-greca-volto

Spesso di fronte alle difficoltà gli individui tendono a scoraggiarsi, soprattutto quando hanno la sensazione di non poter influenzare direttamente gli eventi. Questo accade quando la loro attenzione è puntata fuori da se stessi, sugli aspetti che non riescono a controllare.

E’ bene chiarire che non possiamo controllare le persone, possiamo solo avere l’illusione di farlo. Gli uomini sono liberi di scegliere, possono accondiscendere e fingere, ma quando li costringi a seguirti senza il loro pieno consenso, entrambi ne pagherete le conseguenze. 

Qual è la soluzione allora alle tipiche domande dei giorni nostri?

Cosa posso farci io se il “capo” vuole che le cose si facciano in questo modo?

Cosa posso farci io se la fabbrica ha deciso di chiudere?

E cosa posso farci io, se la politica ha deciso il destino del mio paese?

La risposta è “dipende”. Se la tua attenzione è sulla sfera di coinvolgimento tenderai a sentirti impotente e frustrato, vorresti cambiare tutto ma senti che non dipende da te.

Vuoi cambiare la cultura dell’azienda in cui lavori ? Purtroppo non dipende da te.

C’è una solo cosa che tu puoi fare sempre ed è capace di smuovere le montagne: la forza dell’esempio. 

Niente se, niente ma e però: se vuoi ti rimbocchi le maniche e dai l’esempio del cambiamento che vorresti vedere. In passato i vecchi saggi ci esortavano a diventare quel cambiamento partendo dalle piccole cose.

L’esempio è l’unico modo per mostrare la tua coerenza e quando sei credibile agli occhi di chi ti è vicino, influenzerai prima uno, poi due, poi dieci e infine una massa di persone che possono cambiare le regole e la cultura.

Con l’esempio coerente puoi ispirare la persona al tuo fianco, poi la tua famiglia, poi la tua comunità, il tuo paese e infine puoi cambiare il mondo. Non è un invito a diventare santi, ma a cambiare un po’ noi stessi, e già sarebbe un grande traguardo. Si parte sempre dalle piccole cose, che poi sono le grandi cose della vita.

Essere esempio, oggi più che mai, non è una buona forma di responsabilità, è l’unica forma di responsabilità. Se vuoi guidare le persone, se vuoi essere in grado di gestire relazioni, rapporti, caratteri e interessi diversi devi essere un esempio. Se non sei d’esempio non sei credibile, non hai quella forza che ti arriva non da quello che dici ma da quello che fai.