Giorno del ringraziamento?

475

thanskgiving-day-usa

Anche in Italia diventerà ben presto “tradizione” festeggiare il Giorno del Ringraziamento di nordamericana importazione. Per ora si parte con i saldi e gli sconti del Black Friday, che contribuisce a quel clima di graduale “protestantizzazione” degli italiani di cui Bergoglio è il puparo a livello religioso-sociale. Ma quanti conoscono l’origine storica del Giorno del Ringraziamento?

Basterebbe dire che questo nasce in seno alle prime comunità dei cosiddetti Padri Pellegrini che nel primo rigido inverno in Nord America furono salvati dai nativi americani che insegnarono loro a coltivare semenze locali e allevare tacchini. Come ringraziarono, lor poveri e perseguitati “cristiani”? Istituendo, appunto, un giorno di ringraziamento per la buona sorte di cui godeva la comunità e per celebrare la vittoria contro gli “indigeni pagani”, cioè gli stessi nativi americani che avevano accolto e condiviso il territorio con loro. Quello stesso territorio che, da quel momento, avrebbero strappato loro a colpi di fucile, cannonate, tradimenti, stragi e alcol. Non c’è nulla da ringraziare, dunque, perché da quel giorno a ben vedere è iniziato il genocidio degli unici veri americani d’America!