Saviano, i giovani italiani si drogano: sei contento?

152
Cocaina-soldi-droga
I nostri giovani – la maggior parte, quella allineata, che si ‘ribella’ con le attrazioni del sistema – sono nella top 3 dei più drogati d’Europa. Saviano, che è sempre a favore della legalizzazione, può dormire tranquillo: queste vittime del mondo che lui vuole sono sempre di più, quindi nemmeno servirebbe legalizzarla. E intanto noi dovremmo continuare a sperare in una generazione che campa tra precariato, droghe, porno e serie tv? Sarebbe divertente, se non fosse drammatico.

(www.repubblica.it) – 08/06/2017 – Droghe: l’Italia è seconda in Europa per consumo di cannabis tra i giovani

Tra i 15 e i 34 anni ne fa uso uno su cinque: di più solo i francesi. Il rapporto dell’Agenzia europea delle droghe: siamo quarti per uso di oppioidi e ottavi per la cocaina. Nel continente, crescono i morti per overdose. Ma rispetto ai coetanei americani, gli studenti europei prediligono alcol e tabacco.

SECONDI in Europa per consumo di cannabis tra i giovani di età compresa tra i 15 e i 34 anni, mentre cala il tasso di mortalità indotta dalla droga. L’Osservatorio europeo delle droghe ha pubblicato i dati relativi alle tossicodipendenze nel suo consueto rapporto annuale, relativo al 2015. E per l’Italia, preoccupano i piazzamenti nelle classifiche per l’uso di cannabis, oppioidi ad alto rischio e cocaina. Decisamente sotto la media europea il dato sulla mortalità per overdose, che nel continente cresce per il terzo anno di fila. Quasi 90 milioni di cittadini infine dichiarano di aver provato almeno una volta la cannabis. Ma nel confronto con i coetanei americani, gli studenti italiani di 15 e 16 anni prediligono alcol e tabacco.

L’Italia. Il 19% dei ragazzi italiani, dunque quasi uno su cinque, ha fatto uso di cannabis nel corso degli ultimi dodici mesi: una percentuale inferiore solo a quella della Francia, che ha registrato il 22,1% di consumo nello stesso intervallo di età. ll 31,9% della popolazione adulta in Italia e il 27% degli studenti tra i 15 e i 16 anni dichiarano di aver provato almeno una volta nella loro vita la cannabis e i suoi derivati.

Gli oppioidi ad alto rischio vengono consumati dal 5,2% degli italiani: un dato che proietta l’Italia al quarto posto in Europa. Per quanto concerne il consumo di cocaina, i tre quarti delle richieste di trattamento per tale dipendenza in Europa arrivano da Spagna, Italia e Regno Unito. Il nostro Paese, con una percentuale dell’1,8%, occupa l’ottavo gradino di questa classifica. I dati sull’Italia, fermi al 2014, indicano che il 7,6% della popolazione adulta ha fatto uso almeno una volta di cocaina, il 3,1% di ecstasy e il 2,8% di anfetamine.

Nel 2015 in Italia il tasso di mortalità indotta dalla droga tra gli adulti di età compresa tra i 15-64 anni è di 7,8 morti per milione. Un dato nettamente inferiore alla media europea di 20,3 morti per milione.

I dati europei. Con 8.441 decessi, invece, nel 2015 il numero di morti per overdose di droga in Europa è aumentato per il terzo anno di fila. I decessi si legano soprattutto a eroina e altri oppioidi, in aumento del 6% rispetto ai 7.950 decessi stimati nel 2014.

Secondo lo stesso rapporto, sono circa 87,7 milioni gli adulti europei che almeno una volta nella loro vita hanno provato la cannabis e i suoi derivati. Allo stesso tempo, un europeo su cento consuma cannabis quotidianamente o quasi.

Sulla base di due inchieste condotte nelle scuole, tra gli studenti di 15 e 16 anni, l’Osservatorio è riuscito a paragonare le abitudini di consumo di cannabis e altre sostanze tra i giovani europei e americani: emerge che i giovani studenti europei consumano più alcol e tabacco dei loro coetanei americani, che invece preferiscono far uso di cannabis.

I dati mostrano una diminuzione del tabagismo e, in misura minore, del consumo di alcol. Il consumo di cannabis, per contro, appare stabile. “In Europa i livelli misurati di consumo di cannabis sono inferiori a quelli osservati negli USA e l’uso di cannabis è segnalato meno frequentemente rispetto al tabagismo”, si legge nel rapporto. Tra gli studenti americani “il consumo di cannabis supera il tabagismo” che è molto debole. Inoltre, gli studenti europei sono più numerosi a dichiarare di consumare alcol rispetto ai loro coetanei americani.

La questione cannabis legale. L’Osservatorio appare scettico sull’ipotesi di legalizzare l’uso di cannabis, come avvenuto in altri Paesi, in particolare nel continente americano. “Bisogna attendere che siano disponibili valutazioni fondate prima di poter giudicare i relativi costi e benefici dei differenti approcci in materia di cannabis”, si legge nel rapporto. Secondo l’Osservatorio, l’esistenza di un mercato regolamentato della cannabis in alcuni paesi extra-Ue sta “stimolando l’innovazione e lo sviluppo di prodotti” come vaporizzatori, liquidi per sigarette elettroniche e prodotti commestibili che “potrebbero modificare i modelli di consumo in Europa”.