Siria e Turchia sul piede di guerra? Tranquilli, ecco la soluzione dei buonisti di SlowFood

99
Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, ha trovato la soluzione per dirimere l’escalation di violenza fra Turchi e Siriani: abbassare le armi e salvare tutti insieme la microcomunità ecologista-femminista che un gruppo di kurdi ha creato al confine.
E’ proprio così. C’è una piccola regione che rappresenta, per i radical mondialisti de’ noantri, un modello di resistenza e di auto organizzazione democratica e pacifista: il Rojava. Nelle scorse settimane un gruppo di intellettuali e attivisti guidati da Noam Chomsky ha lanciato un appello per fermare questi attacchi, e Slow Food si è accodata a questa voce.
A dimostrazione del fatto che, ancora una volta, i kurdi sono gli “utili idioti” che, a quelle latitudini, vengono di volta in volta strumentalizzati per fare gli interessi della potenza regionale di turno o – come in questo caso – per rovesciare gli equilibri in essere, con l’avallo di Washington.

(www.slowfood.it) – 24/02/2018 – Carlo Petrini: «Rojava, un modello da difendere»

di Carlo Petrini

Nella confusione e nella drammaticità della situazione siriana, dal 2011 sconvolta da un conflitto interno che coinvolge il governo di Assad, lo Stato Islamico, le milizie curde, Al Qaeda e che vede intrecciarsi le ingerenze di Russia, Iran, Stati Uniti e Turchia, c’è una piccola regione che rappresenta un modello di resistenza e di auto organizzazione democratica e pacifista: il Rojava.

Siamo nel Nord del Paese, al confine con la Turchia. Qui la popolazione, in stragrande maggioranza curda, non si è solo distinta per la tenacia e la forza con cui ha respinto l’avanzata dello Stato Islamico, ma ha anche saputo sperimentare un modello organizzativo e democratico radicalmente nuovo in questa parte del mondo (e non solo qui per la verità).

Un modello inclusivo, democratico, femminista, ecologista, progressista. Un modello di autogoverno realizzato attraverso assemblee cittadine e consigli confederati, chiamati a decidere su tutti gli ambiti della vita sociale, a partire proprio dalla difesa militare fino ad arrivare all’amministrazione della giustizia e delle risorse naturali comuni.

Un sistema in cui le donne giocano un ruolo cruciale. A loro è riservato almeno il 40% della rappresentanza oltre alla copresidenza della confederazione. Un’esperienza di avanguardia sociale che ha anche avuto, come momento costitutivo, l’adozione di una carta di valori giuridicamente vincolante per tutta la società: il Contratto sociale.

Una carta che rifiuta l’autoritarismo, il militarismo, il centralismo e l’intervento dell’autorità religiosa negli affari pubblici, che supporta la libertà di culto ma separa categoricamente la religione dallo Stato. Si impegna all’inclusione tra le diverse etnie e religioni nel Nord della Siria e per questo definisce i tre cantoni non curdi bensì una “confederazione di curdi, arabi, siriaci, aramaici, turkmeni, armeni e ceceni”.

Il Contratto sociale afferma l’uguaglianza di tutti gli individui e di tutte le comunità di fronte alla legge, l’uguaglianza dell’uomo e della donna, garantisce i diritti umani e le libertà sociali così come stabilito dalle convenzioni internazionali a cui si richiama, riconosce e tutela i diritti civili, politici, culturali, sociali ed economici ma anche quelli etnici, linguistici, di genere, il diritto alla salute, il diritto alla libertà e alla sicurezza della persona, i diritti dei bambini.

Un modello di società ecologista che, pur in mezzo alle rovine delle città distrutte dalla guerra, ha saputo anche dare vita a una collaborazione con Slow Food per la creazione di orti scolastici e comunitari che coinvolgono quasi mille persone.

Oggi questa realtà è in pericolo. I bombardamenti dell’esercito turco, che considera le milizie del Rojava gruppi terroristici, stanno distruggendo le città e facendo morti tra i civili e tra i bambini. Nelle scorse settimane un gruppo di intellettuali e attivisti guidati da Noam Chomsky ha lanciato un appello per fermare questi attacchi, e noi ci accodiamo a questa voce.