“Conosci te stesso”. Altrimenti ci pensa Facebook

162

 

Gioite, popolo di Facebook! Da oggi potete pagare da social!
Anche il gigante della Silicon Valley ha creato il proprio sistema di interscambio monetario; e i risultati di questa operazione potrebbero essere maggiori di quelli che furono di Amazon col suo contributo al consumismo globale
Se è vero infatti che Amazon ha facilitato enormemente la capacità dei consumatori di soddisfare qualsiasi capriccio venisse loro in mente, nessuno come Facebook conosce i dati e i gusti dei propri utenti. 
Funzionava così: un’azienda pubblicizzava il proprio prodotto su Facebook, attingendo alle infinite informazioni del suo database, mostrando contenuti ammiccanti ai potenziali clienti, i quali venivano rimandati ad un e-commerce o un negozio fisico.
Da oggi anche Facebook potrà farci pagare con sempre maggiore rapidità i bisogni e i desideri che esso stesso ha contribuito a generare in noi, eliminando un ulteriore e “fastidioso” passaggio del processo di compravendita tradizionale.
Viviamo in un mondo in cui, senza accorgercene, veniamo tracciati, profilati, targettizzati. Il capitalismo moderno, sempre più liquido e digitalizzato, necessita di sempre maggiore velocità. Velocità nel soddisfare i fugaci bisogni materiali, velocità nel crearne di nuovi. 
Cosi spesso capita che Facebook ci mostra contenuti allettanti e risveglia in noi desideri latenti di cui non avevamo neanche mai parlato e di cui nemmeno ci rendevamo conto. 
E ora hai anche lo strumento per risolvere immediatamente questo prurito! Hai il fattorino sottopagato che ti consegna in giornata, e se ti fa aspettare qualche minuto in più del necessario un drone è subito pronto a sostituire “l’inefficiente” componente umana. Tutto per poterti farti consumare sempre di più, sempre più velocemente. 
Ma ehi! Vuoi mettere la comodità?! Questo è il progresso gente!