Quando la nave affonda, i topi scappano: Germania e Italia in fuga dall’Iraq

201
 
I soldati italiani hanno lasciato, durante la scorsa notte, la base americana a Baghdad, segno di un imminente e totale disimpegno delle nostre Forze Armate nel teatro iracheno. Questo avviene mentre quelli tedeschi sono stati ritirati e spostati in Giordania. Insomma, ci viene in mente quel vecchio adagio per cui ” Quando la nave affonda, i topi scappano”. E si dovrebbe quantomeno ringraziare l’Iran per aver lasciato loro il tempo di farlo, in sicurezza.

(tratto da www.rainews.it) – La crisi tra Washington e Teheran Iraq, Stampa: soldati italiani via da base Usa a Baghdad. Germania annuncia ritiro truppe. Il ministero della Difesa precisa che non c’è nessuna ipotesi ritiro militari dall’ Iraq.

Il ministro delle Difesa Annegret Kramp-Karrenbauer e il ministro degli Esteri Heiko Maas hanno scritto ai deputati che i militari presenti nelle basi irachene di Baghdad e Taji saranno ”temporaneamente ritirati”, mentre il Pentagono ha smentito la lettera in cui i vertici militare americani informavano la loro controparte irachena di aver iniziato i preparativi per “lasciare” il Paese. Tweet Iran, arrivata la salma del generale Soleimani. “Se gli Usa non si ritirano sarà altro Vietnam” Donald Trump torna a minacciare Teheran: “Perché mai non dovremmo colpire siti culturali iraniani?” Raid Usa sull’aeroporto di Baghdad, ucciso il generale iraniano Soleimani 07 gennaio 2020 Continua l’effetto domino in Medio Oriente dopo l’uccisione del generale Soleimani. I soldati italiani hanno lasciato, nel corso della notte, la base americana a Baghdad, da due giorni sotto il tiro dei mortai. Lo scrive stamani il quotidiano La Stampa, secondo cui il trasferimento dal compound “Union 3” ha riguardato tutti gli uomini italiani impegnati nell’operazione di addestramento delle forze di sicurezza irachene – una cinquantina di carabinieri – ed è stato deciso dallo Stato maggiore della Difesa in accordo con i vertici della Nato. I soldati, che partecipano alla “Nato Mission Iraq”, non sono stati riportati in Italia, riferisce ancora il giornale torinese, ma sono stati trasferiti in “un un’altra zona, sicura e non lontana”. Difesa, nessuna ipotesi ritiro militari dall’ Iraq “Nessuna ipotesi di ritiro dei militari italiani dall’Iraq”. Lo precisa il ministero della Difesa. Anche la Germania intende spostare parte del suo contingente dall’Iraq nella Giordania e nel Kuwait per motivi di sicurezza. Lo riporta l’agenzia di stampa tedesca Dpa, spiegando che il ministro delle Difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer e il ministro degli Esteri Heiko Maas hanno scritto ai deputati che i militari presenti nelle basi irachene di Baghdad e Taji saranno ”temporaneamente ritirati”. I due ministri hanno aggiunto che andranno avanti i colloqui con il governo di Baghdad sulla continuazione della missione di addestramento delle truppe irachene. La Germania è presente in Iraq con circa 120 soldati, la maggior parte dei quali sono schierati nelle basi di Taji e Baghdad.