Armati di KULTUR! Novità dagli scaffali

129

CON LA SCUSA DEL CLIMA

Titolo completo: Con la scusa dell clima. Oltre l’ambientalismo mainstream: per un futuro consapevole.

Autore: Thomas Pedretti

Anno: 2019

Pagine: 242

Il libro: da mesi – senza sosta – assistiamo alla sovra-esposizione mediatica di Greta Thunberg, paladina degli “scioperi per il clima” e nuovo volto dell’ambientalismo mainstream. La giovane svedese – soggetto e oggetto di una narrazione artefatta, etero-diretta e para-religiosa – si inserisce nel solco di quel “pensiero unico dominante” che riduce al silenzio le voci fuori dal coro. Una formidabile banalizzazione del problema, dietro alla quale si celano interessi milionari, strategie mondialiste e manipolazioni del pensiero.

La teoria del riscaldamento climatico – infatti – è un mantra che si impone in assenza di prove scientifiche, fondandosi sulla paura indotta e sull’invocazione della catastrofe imminente: un leitmotiv che centinaia di autorevoli studiosi – le cui tesi sono riportate in queste pagine – hanno smentito con dati certi e prove incontrovertibili.

Dalle emissioni di CO2 alle cause dell’inquinamento; dai cambiamenti climatici alle deforestazioni; dall’energia nucleare alle fonti rinnovabili: l’autore analizza la retorica dell’ecologicamente corretto, sfatandone miti e menzogne. Attraverso una puntuale ricerca, dunque, sono indagati tutti i macro-temi connessi al dibattito in atto: dalla speculazione capitalistica allo sviluppo industriale; dalla sovranità delle Nazioni al futuro dei trasporti; dagli equilibri geopolitici alle migrazioni di massa.

L’obiettivo è quello di richiamare l’esistenza di una terza via alternativa al catastrofismo e allo sfruttamento planetario: un’ecologia equilibrata, identitaria e consapevole, che riparta dal senso della Terra, dalla tutela del paesaggio e dal legame spirituale con la natura.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

FIUME O MORTE

Titolo completo: Fiume o morte – L’epica impresa di d’Annunzio e dei suoi uomini

Autore: Manlio Bonati, Carlo Sicuro

Anno: 2019

Pagine: 144

Il libro: il racconto per immagini più originale, lungo, fedele, avventuroso, eroico, ironico e divertente della mitica impresa di Fiume di Gabriele d’Annunzio e dei suoi legionari. A distanza di un secolo, si torna così ad assaporare lo spirito pionieristico, il clima goliardico e le tensioni eroiche nel capolavoro ideato da Carlo Sicuro, sceneggiato da Manlio Bonati e disegnato da Yildirim Örer e Mauro Vecchi. Oltre 140 pagine di pura, audace, sfrontata, entusiasmante italianità: dal preambolo della Grande Guerra con il mitico volo su Vienna del 1918 alla Vittoria mutilata, dalla marcia di conquista della città di Fiume del 1919 all’incredibile stagione della Reggenza italiana del Carnaro. È la storia entusiasmante di meravigliosi eroi, tutti italianissimi: Guido Keller, Giovanni Comisso, Antonio Locatelli, Ettore Muti, Costanzo Ranci, Tito Testoni, Vittorio Montiglio, Alceste De Ambris, Filippo Tommaso Marinetti… Edizione a cura di Federico Goglio, con la prefazione di Edoardo Sylos Labini e con la Carta del Carnaro riproposta integralmente in appendice.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

APPUNTI

Titolo completo: Appunti

Autore: Nicolas Gomez Davila 

Anno: 2016

Pagine: 428

Il libro: “Pensare è dare una risposta”, scrive l’Autore. Ma un pensare che sia un ordinare l’attività della mente secondo quella che Gómez Dávila denomina la “sintassi gerarchica”, la forma concentrica della visione ideale che il soggetto pensante intuisce, gradualmente coglie e finalmente indossa. Perché, assicura l’Autore, miriadi sono gli sciami di idée-pensieri che si avventano sull’essere umano per avere di lui ragione e possederlo. In tal caso questi non pensa ma soccombe agli assilli che invadono la mente: viene pensato. Le Idèe, quelle in senso proprio, sono invece pochissime, e solo ai pochissimi si offre la Grazia della loro contemplazione: una considerazione delle Idèe che per l’Autore occorre trasformare in visione del mondo formativa delle migliori esistenze individuali. La lettura di questi Appunti di Nicolás Gómez Dávila, imponendo al pensiero una incomune concentrazione, ne favorisce la purificazione: quindi la decantazione delle risposte del lettore agli stessi interrogativi della vita nel nostro tempo. [F.G.F.]

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

L’ETICA DEL GUERRIERO

Collana: Paideia

Titolo completo: L’etica del guerriero. La via dell’azione nella Bhagavad Gita.

Autore: Mario Polia

Anno: 2019

Pagine: 144

Il libro: attingendo a testimonianze appartenenti a tradizioni europee e non solo, i libri curati da Mario Polia per la collana Paideia si propongono di evidenziare le caratteristiche fondanti dell’uomo dedito all’azione – il ‘guerriero’ – la cui espressione più alta trova compimento nella figura dell’eroe. Dopo Exempla. L’ideale eroico nell’epica greca e romana, questo secondo volume della collana è dedicato all’antica India e, nello specifico, alla Bhagavad Gita, poema epico che, tra le testimonianze delle antiche culture indoeuropee, fornisce la più completa summa dell’etica guerriera. In essa si espone e sviluppa, innanzitutto per quanto riguarda l’etica propria al combattente (Ksatriya), l’ideale dell’azione impersonale, della così detta ‘non azione’, ovverossia di quell’azione priva di interessi personali, offerta alla divinità e dedicata all’affermazione della giustizia che può divenire veicolo per il raggiungimento dell’unione con l’Assoluto.

L’autore: Mario Polia (Roma, 20 maggio 1947), archeologo, antropologo ed etnografo, nonché specialista in antropologia religiosa e storia delle religioni, ha diretto in Perù un programma di ricerca sulle tradizioni indigene e sullo sciamanesimo andino. Vincitore del Premio Paolo Toschi (1999) per la ricerca sul campo, è oggi curatore del Museo Demo-antropologico di Leonessa (Rieti). Già docente di ‘Antropologia Medica’ presso la Pontificia Universidad Católica di Lima e di ‘Antropologia’ alla Pontificia Università Gregoriana di Roma, alterna ad una prolifica attività di saggista quella di conferenziere in Italia e all’estero.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

TRADIZIONE E REALIZZAZIONE SPIRITUALE

Titolo completo: Tradizione e realizzazione spirituale. Raccolta di scritti con inediti.
 
Autore: Guido De Giorgio
 
Anno: 2018
 
Pagine: 136
 
Il libro: l’espressione personale di Guido De Giorgio, spesso poetica e travolgente, parla direttamente ai cuori piuttosto che alle menti. La conoscenza dei Principi della Tradizione che è alla base dei suoi scritti non potrà mai condurre al pericolo di un’interpretazione deviata della dottrina tradizionale: egli ha il ‘fianco coperto’ e il suo insegnamento – condensato in numerosi scritti editi ed inediti che la Cinabro Edizioni ha di recente ricevuto il testimone di darne ricostruzione e diffusione – è faro e indirizzo per chi voglia intraprendere un cammino di realizzazione spirituale. Con questa pubblicazione vengono alla luce alcuni manoscritti inediti che, per omogeneità di argomenti trattati, sono stati uniti ai suoi scritti apparsi sulle riviste Ur e La Torre, a cui – per le motivazioni che si potranno leggere nella Nota bibliografica e nell’Avvertenza – sono stati aggiunti i due articoli apparsi su Diorama Filosofico così come riadattati da Evola per la raccolta Introduzione alla Magia.
 

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

GIOVINEZZA LEGIONARIA

Documenti per il Fronte della Tradizione – Fascicolo n. 41

A cura della Comunità Militante Raido

80 pp.

Riedizione, sotto una nuova veste, del fascicolo n.41, racchiuso per la prima volta in una speciale collana: “Fascismi Europei”.

PREMESSA

Com’è d’uso in ogni anniversario, l’occasione di questi primi quindici anni di Raido ci ha imposto di tirare le somme su taluni discorsi e battaglie portate avanti in questi anni. Fra queste si annoverano le molteplici iniziative che hanno avuto per oggetto la Guardia di Ferro. Non è un mistero, infatti, che la storia e l’esempio di Corneliu Codreanu, e del Movimento legionario rumeno, costituiscano per la Comunità militante di Raido un punto di riferimento imprescindibile, di più: un esempio da attualizzare quotidianamente. Rattrista, invece, dover constatare come nel panorama dell’attuale destra extra-parlamentare, tale messaggio sia spesso poco considerato o inteso come semplice riferimento ideologico e non come “metodo” su cui fondare la propria azione militante: azione di rettifica e di rinnovamento.
Per tutti questi motivi, in occasione di tale anniversario, anziché abbandonarci in facili autoesaltazioni o celebrazioni dell’azione fin’ora svolta, abbiamo deciso di dedicare un gruppo di studio alla figura e all’opera del Capitano. Da questo lavoro di approfondimento interno, sono stati elaborati una serie di articoli, che non recano firma dei loro autori: in conformità a quel principio di impersonalità che tanto spazio aveva proprio all’interno della Guardia.
I brevi scritti che seguono sono perciò frutto di un lavoro condotto dai militanti interni alla Comunità: uno sforzo di verifica e riproposizione.
Non v’è, perciò, pretesa di natura accademica nel parlare dell’argomento, né l’ambizione di pubblicare un’opera che possa dirsi pienamente esaustiva. Si introdurrà, invece, il lettore ad un’analisi militante nell’esperienza legionaria. Le direttrici saranno, perciò, quelle dell’approfondimento circa la concezione della lotta politica legionaria, l’attenzione ai principi cardine che davano vita – unendo e regolando – i cuib, senza tralasciare il significato delle dure prove richieste all’aspirante legionario: ovvero all’uomo nuovo di cui parla Codreanu.
Tutto questo poiché riteniamo che gli insegnamenti e le indicazioni che il Capitano ha tramandato, abbiano ancor oggi una validità assoluta, costituendo così un imprescindibile riferimento per qualsiasi militante o comunità che voglia ispirarsi ai valori tradizionali.
Fedeltà, Onore, Lealtà e Sacrificio, infatti, non possono essere ricondotti a nessuna contingenza di
sorta: possono, invece, trovare una piena realizzazione soltanto in una visione del mondo che ha le proprie radici nel sacro. La forza del Movimento legionario è stata appunto quella di attualizzare questi valori, mostrandosi limpido esempio di immortali virtù: fino all’ultimo sacrificio, che ha reso i suoi protagonisti eroi immortali. Si fa imperativo che quel “quantum” di energia che dovesse essere risvegliato con il contributo di queste letture, debba essere messo a servizio del prossimo, con una vivificazione del pensiero di Codreanu che sia attualizzazione del suo esempio. Solo così ognuno avrà compiuto il suo gesto esatto e necessario. Riteniamo infatti che il fermarsi al compiacimento intellettuale siauna forma di cedimento o di resa. Invece andarvi oltre significherà aver dato un senso a questo lavoro, una direzione alla tensione che riempie queste righe, un valore al tempo da voi speso per leggerle. Ognuno di noi è chiamato al suo dono di fede e virtù.

RAIDO

INDICE:

– PREMESSA

– UNA BREVE STORIA DELLA GUARDIA DI FERRO

– VISIONE DELLA POLITICA E CRITICA ALLA DEMOCRAZIA

– LA COMUNITÀ E LA FIGURA DEL CAPO

– LA DONNA NELLA LEGIONE

– LA CONCEZIONE DEL LAVORO

– LA SPIRITUALITÀ LEGIONARIA: LA FEDE E IL CANTO

– LE TRE PROVE LEGIONARIE

– LO STILE LEGIONARIO

Appendice:

– LA LEGIONE DELL’ARCANGELO MICHELE, I C.A.U.R. E L’ITALIA

– JULIUS EVOLA E CORNELIU CODREANU

– GLI INTELLETTUALI E LA GUARDIA DI FERRO

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!