PENSIERI DI MARCO AURELIO – carattere romano, stile militante – 23

238
Pensieri – Marco Aurelio – LIBRO VII
“Dritto, o raddrizzato.”
In questi giorni di sofferenze, di privazioni e di sciagura, è molto facile per noi uomini dei tempi moderni essere piegati da questi pesi.
E’ facile consentirgli di trascinarci in basso.
E’ facile arrendersi allo sgomento di ciò che non si può mantenere sotto il proprio controllo.
E’ facile condurre la propria anima sino alla sconfitta.
Mentre è molto difficile mantenere una posa da guerriero.
E’ molto difficile ringraziare Dio e rimanere imperturbabile nel pieno della tempesta.
E’ molto difficile rimanere consapevoli che è solo tramite la Lotta che si può giungere alla Vittoria.
Ma è proprio chi osa affrontare le più aspre difficoltà che riesce a vincere se stesso.
Costui rimane dritto, con sguardo rivolto al Sole, poiché sa che nulla conta più al mondo del sacrificarsi, del privarsi di tutto ciò che non è essenziale. E questi giorni ne sono l’occasione.
Rimane dritto e saldo lungo le vie dell’Onore, poiché è in grado di “spogliarsi del disordine di tutte le schiavitù” per ritrovar la gioia autentica fiorita nella sua anima nuda.
Tuttavia a volte anche un Eroe può titubare, anche un Eroe può lasciarsi ammaliare, anche un Eroe può inciampare ed essere piegato. Ci sono prove dure e non sempre si è capaci di dominarle. Non sempre si trova dentro di sé chiara e limpida la volontà di superarla, la forza per vincerla.
Allora, il monito di Marco Aurelio è tutto qui: se non sei in grado di star dritto da solo, se ancora il peso della prova grava sulla tua schiena e piega le tue gambe, abbi la semplicità (e l’umiltà) di farti raddrizzare. Permetti alla norma, alla regola, alla disciplina, all’esempio da seguire di insegnarti a star dritto. Dunque, se non stai dritto, ubbidisci alla regola secondo disciplina. E sarai raddrizzato.
Quella regola che ti raddrizzerà sarà la parola del tuo Capo, il consiglio del tuo camerata, l’insegnamento epico dei grandi Eroi della nostra kultur: sono tante le occasioni e gli strumenti per raddrizzarti. Ma tutti premettono una sola regola: la disciplina. Quando non sai farlo da solo, sottomettiti secondo disciplina e verrai elevato oltre la prova.
Rimani dritto, e se non lo sei, raddrizzati!