PENSIERI DI MARCO AURELIO – carattere romano, stile militante – 26

239
Pensieri – Marco Aurelio – LIBRO VII
La creazione del mondo è opera della natura universale; tutto ciò che accade ne è quindi una necessaria conseguenza, oppure tutto è irrazionale, anche gli avvenimenti più importanti ai quali il principio direttivo del mondo rivolge in particolare il proprio impulso.
Il ricordartene ti renderà in molte occasioni più sereno.”
Nulla accade di diverso rispetto a ciò che deve accadere, e quindi se qualche cosa accade significa semplicemente che tale avvenimento rientra nel molteplice ventaglio di possibilità di manifestazione che la Provvidenza ha previsto.
Qualunque crisi possa sconvolgere il nostro mondo, qualunque situazione possa farci cadere nello sconforto, qualunque prova ci ritroviamo a dover affrontare, certamente non è frutto del caso.
E quando accade qualcosa che appare ai nostri occhi come negativo, come una sofferenza, come qualcosa di cui è impossibile portare il peso, rimaniamo lucidi.
Ricordiamoci che tutto ciò che esiste è frutto della creazione divina, e che anche le avversità, se si prova ad osservarle da un punto di vista superiore, altro non sono che eventi volti a bilanciare l’equilibrio cosmico nella eterna lotta fra Bene e Male.
Ricordiamoci che (quasi) tutto in questo mondo è soggetto alla legge del tempo, alla legge del mutamento, alla legge della morte.
Ma ricordiamoci che appunto per questo, l’unica cosa su cui bisogna davvero affidarsi è ciò che è immutabile ed eterno, è ciò da cui tutto trae la sua origine, è ciò che da sempre chiamiamo Tradizione!
Con Fede e Cuore rivolto verso l’alto, le nostre menti saranno più serene e potremo continuare la nostra azione guerriera, a prescindere da qualunque cosa possa ostacolarci.
Solo in questo modo, a Dio piacendo, potremo sublimarci un giorno nell’Eterno e ritornare ad essere un tutt’uno con la Luce!