In ricordo di Giulietto Chiesa. RIP

783

(a cura della Redazione di AzioneTradizionale.com)
Solo due mesi fa passammo una giornata insieme a Giulietto Chiesa, durante il convegno “Armi di Distrazione di Massa” organizzato da Cinabro Edizioni.
Già dai giorni precedenti, ci colpì la sua sincerità e schiettezza: proveniamo da visioni del mondo differenti e una certa premura era d’obbligo, pertanto il confronto fu schietto e diretto, consapevoli entrambi che, in questi tempi bui, la battaglia per la Verità può avvicinare e mettere fianco a fianco anche provenienze e origini diverse. 
Così, scoprimmo Giulietto Chiesa e vogliamo ricordare questo: un uomo affabile e ben disposto, che non faceva precedere la sua biografia o le sue qualificazioni, bensì si metteva a disposizione del servizio per la Verità.
Lo stile di Giulietto Chiesa ci colpì favorevolmente: essenziale e immediato, veramente realista, sempre disponibile a chi sinceramente vuole mettersi al servizio della Verità. Uno stile che spesso fatichiamo a rintracciare, invece, dalle nostre parti: questo ce lo rendeva particolarmente caro, nonostante le diverse prospettive “più alte”.
Non trasmetteva illusioni ma pragmatismo e strategia: la consapevolezza della ferocia e della menzogna del nemico non lo facevano arretrare e, scambiando anche solo poche parole, faceva percepire lucidità e voglia di combattere sino al termine dei giorni in questa vita. E sicuramente è stato così.
Il nostro rispetto e il nostro saluto vanno a Giulietto Chiesa per la sua tenace condotta professionale e, a tutto prescindere, che Dio accolga quest’uomo che ha teso la sua esistenza terrena alla lotta sincera a difesa degli oppressi. Riposi in pace.